Il Kukicha è letteralmente un “tè di steli”, infatti è composto dagli steli del tè “scartati” durante l’affinazione delle foglie che poi verranno vendute come Bancha, Sencha o Gyokuro.

Per lo stesso motivo esistono diversi tipi di Kukicha, in base da quale gradi di tè derivano.

Il gusto è dolce e fresco grazie all’alto contenuto di teanina, pirazina, geraniolo e linalolo; manca la tipica astringenza dei tè verdi.

Considerato un tè mediocre dal mercato e visto lo squilibrio della domanda-offerta, risulta un tè economico, adatto un po’ a tutte le tasche.

Paradossalmente in Italia è piuttosto difficile trovare un Kukicha “verde”, ma grazie alla rilevanza che ha nella cucina macrobiotica è più facile trovare il Kukicha “tostato” quindi a tutti gli effetti un Hojicha (talora chiamato “tè dei tre anni”). Dal sapore blando di caffè e dal retrogusto vanigliato, questa variante è molto apprezzata e usata.

La dose è sempre un cucchiaino per tazza, acqua a 70-80°C per 1 minuto.

In caso si avesse a che fare con un Kukicha di alto grado derivato da un Gyokuro, sarà bene diminuire la temperatura dell’acqua non superando i 60°C.

Sopporta perfettamente una seconda infusione.

3 pensieri su “Kukicha

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...