Uva è a tutti gli effetti la provincia più remota dello Sri Lanka: difficilmente raggiungibile se non attraverso ripide e tortuose vie di montagna è collegata alla ex capitale Colombo da una piccola linea ferroviaria inaugurata negli anni ’20 del XX secolo.

Ignorata durante il boom della coltivazione del caffè trovò invece fortuna in quella del tè, le sue particolarissime condizioni climatiche e ambientali infatti la rendono perfetta: nel periodo da luglio a settembre infatti le piantagioni ad alta quota vengono battute dai monsoni “secchi” (kacchan) provenienti da sud-ovest che sconvolgono la normale fotosintesi delle piante di tè, mentre l’escursione termica tra giorno e notte ne particolarizza i sentori.

La foglia a secco si presenta particolarmente nera, lunga e attorcigliata.

Il liquore è morbido, ma pungente, dal carattere leggermente mentolato, esoticamente aromatico.

Si consiglia di dosare un cucchiaino per tazza, acqua a 90°C per un tempo d’infusione di 3 minuti.

5 pensieri su “Ceylon Uva

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...