Il Porto è il vino liquoroso più noto.

Viene prodotto a nord di Oporto ed ricavato da numerosi vitigni autoctoni dell’Alta Valle del Douro.

Tra questi i principali sono sette: touriga nacional, tinta cao, tinta roriz, tinta barroca, toutiga francesa, tinta amarela e souzao.

Nato per caso nel XVII secolo da commercianti inglesi che mischiando acquavite ai robusti vini della Valle del Douro avevano creato una bevanda che resisteva ai traumi del trasporto marittimo, il vino conquistò i palati della nobiltà londinese e si diede inizio alla massiccia importazione che vede ancora oggi l’Inghilterra il primo paese al mondo consumatore di Porto.

Al mosto che viene fatto fermentare si addiziona Brandy o alcol di origine vitivinicola per bloccare la fermentazione in modo più o meno veloce a seconda del grado di dolcezza desiderato.

Le tipologie di Porto sono diversificate in base all’invecchiamento.

Quelli più giovani e leggeri sono il White (ottimo aperitivo) e il Ruby (dal profumo fruttato e decisa componente alcolica).

Il Tawny è in genere poco complesso e destinato a un breve invecchiamento.

Al contrario, l’Aged Tawny Port o Fine Old Tawny Port invecchia in legno anche più di vent’anni ed è frutto dell’assemblaggio di vini di diverse annate.

Quest’ultimo è un vino complesso, avvolgente, morbido che sprigiona intense note di mandorle, noci, caramello, caffè, uva passa e noce moscata.

Il Porto Vintage è un vino molto longevo che raggiunge il massimo del potenziale non prima dei 20 anni dalla vendemmia (anche se il riposo in legno è in genere solo di un paio d’anni).

Ha un colore ricchissimo e lucente, il profumo penetrante e un’interminabile persistenza gusto-olfattiva. Si abbina splendidamente con lo stilton e il roquefort.

Le case produttrici ritengono un prodotto all’altezza di essere proclamato Vintage solo 3 o 4 volte in 10 anni, quindi l’annata in questo caso è decisiva.

Il Late Bottled Vintage LBV riposa in legno dai 4 ai 6 anni. È ottimo col cioccolato fondente.

Il Vintage Character, nonostante il nome possa trarre in inganno, ha una qualità e un gusto simili a quelli di un semplice Ruby ottenuto però miscelando Porto di annate diverse.

Infine il Crusted Port, nel gusto molto simile a un Vintage non molto invecchiato, è un Ruby ottenuto anch’esso per assemblaggio di vini di diverse annate ma di qualità superiore rispetto a un Vintage Character.

2 pensieri su “Porto

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...