Vino rosso Doc ricavato da vitigni Lambrusco Grasparossa min. 85%, cui possono essere aggiunte uve da altri Lambruschi, da Fontana e da Malbo Gentile, da sole o in miscela tra loro, max. 15%.

Viene così chiamato per il graspo rosso dei suoi grappoli.

Viene prodotto nel territorio di alcuni comuni della provincia di Modena, quali Castelfranco Emilia, Castelnuovo Rangone, Castelvetro, Fiorano, Formigine, Maranello, Marano sul Panaro, Prignano sul Secchia, San Cesario sul Panaro, Sassuolo, Savignano sul Panaro, Spilamberto e Vignola, e in parte in quello di Modena.

Al calice si presenta rubino vivido orlato di spuma color ciliegia con riflessi porpora.

Intensi aromi floreali e di frutta a bacca rossa frammisti a sentori silvestri.

Profuma di roselline, viole, garofani, more di rovo, fragoline di bosco, mirtilli, confettura di prugna e humus.

Corposo e appagante al palato, sorso in buona progressione, bell’equilibrio tra la morbidezza fruttata, la freschezza cremosa e i tannini fini. Chiude su fondo appena ammandorlato.

Esalta il gusto di alcuni piatti tipici regionali: tagliatelle con salsiccia gialla di Modena, strozzapreti al ragù bolognese, tortelli in brodo, cappello del prete con purea di patate, spalla cotta di San Secondo al balsamico, salsicce in umido con fagioli, zampone, crescentine col lardo, salumi.