Scrigni con porri, timo e gruyère

Scrigni con porri, timo e gruyère - Foto di Walter Romano
Scrigni con porri, timo e gruyère – Foto di Walter Romano

Questo piccolo rustico piuttosto aromatico è un connubio di sapori appartenenti tutti alla stessa famiglia: porri, scalogni e cipolla. La cottura lenta permette di perdere le asperità e di rivelarne tutta la loro naturale dolcezza. Si sposano meravigliosamente col sapore deciso del gruyère e hanno un aspetto delizioso se presentate in mono porzioni.

Io ho usato stampi da 9 cm di diametro, ma potreste anche realizzarle in formato mini aiutandovi con un tagliapasta e con degli stampini piu’ piccoli.

A Bologna hanno rubato la scena da protagonisti soprattutto dietro le quinte, infatti sono stati molto apprezzati da chi ci ha aiutato con la logistica dell’allestimento e dalle ragazze di StregaTe.

Stuzzicanti e dal tocco intenso del timo, sono perfetti per un buffet o da servire come antipasto durante un pranzo o una cena informale.

Per la tendenza dolce delle cipolle arricchita però dall’aromaticità del formaggio e del timo ho scelto in abbinamento un Alto Adige Kerner, vino bianco, fresco, di discreta morbidezza e buona struttura.

Valeria invece propone un Yunnan sticky rice tea: tè verde pressato dal gusto di riso.

Alba

Scrigni con porri, timo e gruyère - Foto di Walter Romano
Scrigni con porri, timo e gruyère – Foto di Walter Romano

Continua a leggere Scrigni con porri, timo e gruyère

Torta verde di bietole

La torta verde di bietole è un piatto tipico della Liguria di ponente: sui banchi delle panetterie è normale vederla accanto alle pizze al trancio.
E’ una torta salata sostanziosa e vegetariana e si presta bene ad infinite varianti stagionali: con i carciofi, con le zucchine, con la zucca o altre verdure.
Tagliata a piccoli quadratini può essere usata come antipasto, una dose più generosa (magari abbinata ad un frutto) è un perfetto pranzo per una scampagnata tra i boschi. Ancor di più se si pensa che bisogna gustarla fredda: può essere preparata in precedenza e conservata.

Il sapore delle bietole, dolce, ma intenso mi ha suggerito un tè verde, ma la composizione va ben oltre questo: il riso all’interno ed il gusto della sfoglia all’olio danno una nota di frutta secca particolare. Così ho deciso di optare per uno Yunnan sticky rice tea, servito tiepido.

La scelta di Alba, invece, e’ un Cinque Terre, vino bianco, fresco corredato di una discreta sapidità.

Valeria

Torta verde Continua a leggere Torta verde di bietole