Angolo dei formaggi con mini aspic di melagrana al Moscato Passito

In un buffet che si rispetti non può mancare un angolo dedicato ai formaggi e in materia casearia il Molise vanta dei prodotti davvero interessanti.
La regione ha sicuramente anche un’anima pastorale, ne sono testimonianza i tratturi un tempo percorsi dalle greggi in transumanza.
Tipici delle zone più montuose sono i formaggi pecorini. Il Pecorino del Matese e quello di Capracotta, preparati con latte misto di pecora e capra, di media o lunga stagionatura, hanno un profumo aromatico e un sapore intenso che tende al piccante se stagionati più a lungo.
Pregevoli sono anche il formaggi fatti col latte vaccino come il fiordilatte, la stracciata, la burrata, il caciocavallo.
La stracciata è un formaggio fresco a pasta filata lavorata in strisce elastiche e intrecciate che ha la caratteristica di perdere consistenza se conservato per qualche giorno.
Il caciocavallo, in particolare quello di Agnone, è un formaggio a pasta dura filata che viene lasciato stagionare in grotte naturali per almeno tre mesi. Ottenuto dal latte di mucche lasciate libere al pascolo nell’Alto Molise, ha un sapore dolce o piccante a seconda del caglio usato e del tempo di stagionatura.
Ho scelto di abbinare la stracciata ad un elegante Fiano d’Avellino, vino bianco fresco e sapido supportato da un giusto sostegno alcolico, mentre Valeria l’abbina ad un delicatissimo Bai Mu Dan, tè bianco cinese dalle note mielate.
Per il Pecorino del Matese ho pensato all’abbinamento con un calice di Aglianico del Vulture, vino rosso di buon corpo, fitta trama tannica e lungo e minerale nel finale, mentre Valeria propone un Assam Signorile – T.G.F.O.P.1 Hunwal, tè nero indiano elegante e maltato.
Col Caciocavallo di Agnone consiglio un calice di Tintilia, vino rosso succoso, morbido, i tannini sono fini e la chiusura speziata, e Valeria una tazza di Ceylon Nuwara Eliya OP, tè dello Sri Lanka con la giusta forza per sostenere questo formaggio.
Allestite il vostro tagliere di formaggi servendo mostarde di frutta, composte di castagne o di fichi oppure del chutney di frutta secca.
Per augurarvi un anno scintillante e ricco di gioiose novità ho pensato all’immancabile melagrana, stavolta declinata in un fresco aspic al vino passito.
Alba
formaggi

Continua a leggere Angolo dei formaggi con mini aspic di melagrana al Moscato Passito

Manzo alle erbe aromatiche con olive e pachino

Questa succulenta bistecca sembra una preparazione semplice e immediata.In realtà bisogna seguire una serie di accortezze per non ritrovarsi nel piatto una fetta di carne che mette a dura prova le mascelle.

Il risultato dev’essere, al contrario, una carne tenera, succosa e rosa.

Quindi una volta scelto un taglio di manzo con poco tessuto connettivo e con qualche venatura di grasso nel muscolo, ricordatevi di metterla sulla piastra ben calda, di girarla una sola volta e di non punzecchiarla per non disperdere i succhi.

E’ un piatto dal gusto e dal profumo appagante ed aromatico ed il sughetto che resta sul fondo è un invito a intingere il pane.

Abbino al manzo coi pomodorini un vino rosso che amo profondamente, un Tintilia del Molise, che offre al sorso una suadente morbidezza contrastata da tannini mai troppo invadenti.

Valeria, invece, propone un Grand Yunnan: tè di struttura, ma dal carattere dolce e intenso.

Alba

manzo Continua a leggere Manzo alle erbe aromatiche con olive e pachino