Insalata speziata di pasta al pomodoro e mozzarella e la Settimana Nazionale della Celiachia

Sabato 13 è iniziata la settimana nazionale della celiachia e, per aiutare nella diffusione, ho voluto partecipare proponendovi una ricetta gluten-free.

Di seguito un estratto del comunicato stampa:

COMUNICATO STAMPA

La “Settimana Nazionale della Celiachia” torna per il terzo anno, da sabato 13 a domenica 21 maggio, per informare e sensibilizzare su una patologia che in Italia interessa circa 600.000 persone di cui appena 190.000 diagnosticate. Promossa dall’Associazione Italiana Celiachia (AIC), con il patrocinio dell’Associazione Nazionale Dietisti (ANDID), la terza edizione è dedicata alla nutrizione e all’educazione alimentare per vivere al meglio una dieta che per i celiaci non è una scelta alimentare ma l’unica terapia possibile, a fronte di circa 6 milioni di consumatori che seguono in modo ingiustificato la dieta senza glutine spendendo oltre 100 milioni di euro per prodotti di cui non avrebbero bisogno.

6 milioni di italiani celiaci ‘per moda’, sprecano ogni anno 105 mln di euro

Dilaga la moda dei cibi gluten-free, un mercato in continua crescita al ritmo del 27% l’anno, che in Italia vale 320 milioni di euro ma solo 215 vengono spesi dai pazienti con diagnosi. Un prodotto su tre viene infatti acquistato da chi non è celiaco e pensa così di dimagrire o guadagnare benessere, ma è un falso mito: nessuna ricerca scientifica dimostra i vantaggi per la salute erroneamente attribuiti alla dieta senza glutine per chi non è celiaco. Lo conferma anche uno studio appena pubblicato sul British Medical Journal secondo cui la dieta di esclusione in chi non è celiaco non riduce il rischio cardiovascolare. Eppure per un italiano su dieci la dieta gluten-free è più salutare, per tre su dieci fa dimagrire: un equivoco pericoloso, che banalizza la malattia celiaca, che riguarda l’1% della popolazione per la quale l’esclusione del glutine non è una scelta ma un vero è proprio ‘salvavita’.
Molte le iniziative per fare chiarezza previste per la Settimana Nazionale della Celiachia: sul sito http://www.settimanadellaceliachia.it sarà possibile informarsi sulle 5 regole per una corretta alimentazione senza glutine, gli eventi speciali delle 20 sezioni regionali e la chat online attraverso cui chiedere consigli a medici e dietisti. Dal 13 maggio scaricabile online anche la guida “Sport&Celiachia” a cura del Comitato Scientifico di AIC: patrocinata dal CONI, sottolinea l’utilità dello sport per il benessere dei pazienti e spiega come una dieta di esclusione non migliori le performance in chi non è celiaco. Per sensibilizzare i giovani nei confronti della celiachia, in 700 scuole di tutta Italia saranno distribuiti menù gluten-free…

(Per leggere il testo completo clikkate QUI)

Avendo molta cura nell’evitare le contaminazioni crociate (il contatto accidentale tra alimenti gluten-free e quelli contenenti glutine) si può preparare una deliziosa insalata di pasta veloce e appagante ideale per un pranzo all’aperto con gli amici.

Ho scelto dei fusilli a base di farina di mais, di grano saraceno e di riso da agricoltura biologica (scegliendo tra i prodotti che fanno parte del prontuario AIC), ho aggiunto pochi altri ingredienti (sempre BIO, già che uno c’è 😉 ) e ho dato una sferzata speziata preparando un mix diverso dal solito.

Vi consiglio in abbinamento un bicchierino di Shincha Wakana agli agrumi, preparato con la tecnica dell’infusione in ghiaccio e con scorze di limone e mandarino non trattati. (per la tecnica vedere la ricetta del Trancio di tonno al tè e agrumi)

Alba propone in abbinamento un Cortese di Gavi, vino bianco equilibrato all’assaggio, delicatamente sapido e invitante nei ritorni aromatici.

Valeria

Continua a leggere Insalata speziata di pasta al pomodoro e mozzarella e la Settimana Nazionale della Celiachia

Tartare Nuda e Cruda

Iniziare un menù dai caratteri afrodisiaci potrebbe essere difficile, quasi quanto rompere il ghiaccio in una cena dove entrambe le parti hanno la voglia e la tensione di far molto tardi dopo l’ultima portata, sempre che ci si arrivi.

E quindi l’inizio è freddo con una pietanza che sprigiona però tutto il suo carattere selvaggio nell’assaporare sotto i denti e il palato la consistenza della carne soda o nello sgranocchiare del sedano croccante.

nuovo-1Il sedano, sì proprio quello, ritenuto fin dall’antichità un afrodisiaco per la sua propensione verticale rispetto alla terra, il tonno (ma anche la ricciola e altri pesci di stagione) ricco di Omega3, il lime con la sua nota esotica e il fior di sale dai cristalli grandi ma non invadenti.

Per la scelta del pesce mi raccomando di rivolgervi al vostro pescivendolo di fiducia e richiedere carni che sono state già abbattute per la consumazione a crudo; l’importanza di questo passaggio è fondamentale: l’Anisakidosi non è un’infezione da poco!

Accompagnate questo piatto con un calice di Gyokuro o di prezioso Shincha Wakana servito freddo.

Alba suggerisce di abbinare a questo assaggio sapido e puro un calice di Vermentino di Gallura, vino bianco di buona freschezza, calore alcolico e accattivante persistenza minerale.

Valeria

DSCN0311 (1) Continua a leggere Tartare Nuda e Cruda

Trancio di tonno al tè e agrumi

Il tè è un prodotto estremamente versatile e le sue foglie possono essere usate per aromatizzare e rendere unico un piatto.
Poi se il tè è “prezioso” come un Gyokuro, allora la voglia di sperimentare prende il sopravento.
Ho pensato quindi ad un antipasto, ma forse anche un secondo, che omaggiasse il paese d’origine di queste foglie: il Giappone.

Gli ingredienti della marinata sono facilmente reperibili nei negozi etnici, in quelli biologici e anche in quei supermercati ben riforniti.

E’ una pietanza armoniosa che si equilibra tra le sue varie parti.

Presentata, invece che a trancio, come una tagliata o come cubetti può diventare estremamente chic.
In una bella domenica di sole sarebbe perfetta accompagnata sul tavolo da una caraffa di fresca e colorata “limonata” (preparata con il succo degli agrumi utilizzati ed uno sciroppo leggero di acqua e zucchero), dei bicchierini (come quelli da limoncello: circa 20ml) di Shincha Wakana ghiacciato e calici di vino rosato servito alla temperatura di 12°C.

Lo Shincha Wakana è un tè verde della famiglia dei Gyokuro ed il suo liquore riesce ad unire il gusto tipico dei tè giapponesi con una dolcezza inusuale.

Alba invece ha pensato a un Cirò rosato, un vino che rispetta la delicatezza del tonno appena scottato e si sposa bene con la ricca aromaticità del condimento.

Valeria

salmone Continua a leggere Trancio di tonno al tè e agrumi