Gramigna con il sugo di salsiccia

4 Ottobre, San Francesco d’Assisi patrono d’Italia: ai tempi di mia madre non si andava a scuola! 🙂 Beh, è anche il santo patrono di Massa, quindi lì è ancora festa! 😉

4 Ottobre, San Petronio patrono di Bologna: forse la festa più sentita della città, tanto da esserci celebrazioni per più giorni chiamate “Petroniane”.

4 Ottobre, compleanno del gatto di Alba! 😀

p_20161003_143211_1.jpgPer festeggiare questo giorno ho deciso di preparare una ricetta tipicamente emilana, semplice, ma decisamente ricca: la “Gramaggna e susézza” ovvero la gramigna con la salsiccia.
La gramigna è un formato di pasta all’uovo tipicamente emiliana che non è poi così difficile trovare anche in altre regioni, sia fresca che secca: assomiglia a un corto bucatino attorcigliato ed è servito con la salsiccia sia in bianco che in rosso.
In questa occasione vi propongo la versione al pomodoro, mentre per quella in bianco basta spadellare della cipolla con la salsiccia e condire il tutto con il parmigiano, alcuni aggiungono anche la panna.

Normalmente la salsiccia andrebbe tritata, ma a me piace anche farne delle piccolissime polpette per avere più soddisfazione durante la masticazione.

Un’ultima osservazione: il sugo dev’essere corposo, mai liquido.

Abbinate a questo piatto una tazza di Keemun, tè cinese corposo e dal gusto leggermente affumicato.

Alba propone un abbinamento territoriale, un Sangiovese di Romagna, vino rosso morbido, fresco, piacevole, dai tannini sottili e vellutati con note sapide che chiudono il sorso.

Valeria

p_20161003_151403_1.jpg

Continua a leggere Gramigna con il sugo di salsiccia

Risotto rustico con salsiccia e carciofi

Mi ritrovo al mercato del Quadraro con la mia amica Simona (la Squinzi). Un giro tra i banchi e scoviamo tutto quello che ci occorre per preparare un buonissimo risotto rustico e invitante.

La paternità della ricetta è sua e prevede la piccantezza delle salsicce e la cottura finale in forno con tanto di grill per creare la crosticina croccante.

Nella versione del risotto che presento oggi ho preferito la classica cottura nel tegame con l’aggiunta graduale del brodo e non ho usato ingredienti piccanti per cercare di incontrare i gusti di tutti.

È in ogni caso un primo sostanzioso, un piatto unico che ho trovato davvero squisito e risolutivo per improvvisare un pranzo che delizierà gli amici.

Nonostante la semplicità del piatto vi consiglio comunque di prepararlo con cura e facendo attenzione alla scelta delle materie prime: otterrete un piccolo capolavoro dal sapore pieno.

Mettete sempre in conto la richiesta del bis 😉

Propongo di aprire una bottiglia di Salice Salentino, vino rosso dall’assaggio pieno, piuttosto morbido e di fitta trama tannica.

Valeria invece propone un Keemun che con le sue note piene ben si sposa con la salsiccia e le patate.

Alba

Risotto rustico con salsiccia e carciofi - Foto di Walter  Romano
Risotto rustico con salsiccia e carciofi – Foto di Walter Romano

Continua a leggere Risotto rustico con salsiccia e carciofi

Tagliatelle paglia e fieno con salsiccia, piselli e funghi porcini

Qualche anno fa, alla fine di una estate stressante, mi rifugiai per tre giorni nel comune di Vinadio (CN): tra passeggiate nei boschi, letture rilassanti e altro ancora, ho avuto modo di assaggiare un piatto di tagliatelle molto simile a questo.

Porcini freschi e piselli, preventivamente congelati in primavera, mi han dato la possibilità di riproporvelo nella sua estrema semplicità e gusto: i sapori spiccano e si fondono in un continuo evolversi.

Per un primo così semplice, ma aromatico ho pensato ad un Assam: regge perfettamente il gusto del fungo e della salsiccia, senza intaccare la delicatezza della pasta.

Alba consiglia una Barbera d’Alba, vino rosso dotato di buona struttura, piacevole freschezza e leggera tannicità.

Valeria

Tagliatelle paglia e fieno con salsiccia, piselli e funghi porcini Continua a leggere Tagliatelle paglia e fieno con salsiccia, piselli e funghi porcini