Plateau di Frutta secca

Continua il nostro viaggio nel mondo dei sapori e delle degustazioni con una proposta dolce e rigenerante: la frutta essiccata.

Metodo di conservazione antico, l’essiccazione consiste nell’asportare la maggior parte dell’acqua contenuta all’interno del prodotto e dà la possibilità di gustare anche in inverno colorati frutti estivi, mantenendo moltissime delle loro proprietà.

albicoccaLa cosa migliore sarebbe produrre da sé la propria frutta essiccata utilizzando il sole (se si ha la fortuna di vivere in un posto soleggiato e caldo) o usando un essiccatore, ma in caso contrario ci si può rivolgere al mercato facendo attenzione all’etichetta: sempre meglio scegliere BIO e facendo attenzione a che non siano stati usati agenti di conservazione durante il trattamento.
Le albicocche secche, ad esempio, si presentano di un arancione splendente grazie all’utilizzo di solfiti, mentre se si presentano sane, ma scure, non dovrebbero contenerne.

Il più delle volte relegata ad un ambito salutista o festivo (pensiamo ai fichi secchi e ai datteri del periodo natalizio), la frutta secca può invece essere una valida alternativa a più elaborati snack dietetici o colazioni eccentriche: 25g di albicocche secche apportano circa 50 calorie e sono una perfetta fonte di potassio e fibre.

Nel proporvi questo plateau ho pensato ad un pomeriggio di relax e piacere, da soli o in compagnia, in cui il corpo si lascia coccolare da note che virano dall’acidulo al dolce intenso:

plateau frutta secca Continua a leggere Plateau di Frutta secca

Spiedini di maiale alle prugne con Chutney di mango e papaya

A volte le idee nascono da cose fugaci come i ricordi e i profumi, altre volte da tradizioni radicate talmente a fondo da non poter essere cambiate.
Il piatto che vi propongo oggi nasce così: il profumo della frutta che incontra la struttura della carne di maiale, il tutto trasformato in un bocconcino aromatico e agrodolce.

La salsa chutney che vi propongo è decisamente meno piccante e più “fruttosa” dell’originale indiana, ma potete benissimo decidere di aumentare la dose di spezie e dimezzare quella di frutta; mentre il maiale marinato con il brandy acquista una morbidezza intensa.

Volendo potete preparare il chutney il giorno prima e conservarlo in frigorifero chiuso ermeticamente in un vasetto.

Ho deciso di abbinare a questo spiedino una tazza di Hojicha, tè verde arrostito che ben si sposa con la singolare aromaticità della salsa.

Per l’intrigante combinazione con la frutta e le spezie, Alba propone un Colli Orientali del Friuli Pinot Grigio, vino bianco morbido e sapido.

Valeria

DSCN4707 Continua a leggere Spiedini di maiale alle prugne con Chutney di mango e papaya