Pici cacio e pepi con guanciale croccante su vellutata di fave

Manca solo un giorno al primo “complemese” di Passioni da Bere. Questa e’ la nostra tredicesima ricetta all’attivo e sono orgogliosissima di tutta la dedizione costante che Valeria ed io mettiamo, un passettino alla volta, per fare crescere questo spazio che sentiamo sempre di piu’ nostro.

Ma torniamo al piatto del giorno. Che ne dite di un primo che esalti il connubio tra fave e pecorino?

Ho pensato di usare i pici, una pasta fresca tipica della tradizione toscana, sono simili agli spaghetti ma piu’ larghi e corposi. Li ho conditi col pecorino, il parmigiano e vari pepi. Sono infatti stata attratta da un vasetto di vetro, tra le spezie del supermercato, contenente un mix multicolore di grani di pepi.

Le prime fave di stagione, di quel bel verde vivo e lucente, sono un invito a uscire di casa per una scampagnata (nel Lazio e’ tipico il pic nic del Primo maggio ai Castelli romani con appunto fave, pecorino, pagnotta di pane e vino rosso).

Una curiosita’… nella scelta dei baccelli, oltre a controllare che siano belli sodi e croccanti, cercate di accaparrarvi un baccello che contenga sette semi. Infatti, secondo un’antica credenza popolare, pare che porti fortuna 😉

E’ una ricetta dal gusto intenso. Il guanciale e il pecorino conferiscono al piatto grande struttura. Inoltre, la speziatura data dal pepe, la tendenza amarognola delle fave, richiedono un vino di corpo in grado pero’ di mitigare questi sapori cosi’ decisi. Ho pensato a un Frascati Superiore, vino fresco e di spiccata sapidita’ minerale.

Valeria invece suggerisce un Darjeeling per esaltare il gusto del formaggio e avvolgere quello del guanciale.

Alba

Pici cacio e pepi con guanciale croccante su vellutata di fave
Pici cacio e pepi con guanciale croccante su vellutata di fave

Continua a leggere Pici cacio e pepi con guanciale croccante su vellutata di fave