Bignole con crema pasticcera

Dante dedicò un intero canto dell’Inferno ai golosi e io, in questo periodo, mi sento chiamata in causa 🙂  Vi siete imbattuti nella tentazione giusta!

Da Carnevale fino a San Giuseppe infatti, in cucina si frigge in un continuum godurioso che vede i bignè e le zeppole attrarci dalle vetrine delle pasticcerie.

Ma oggi è anche la festa del papà e ci vuole una ricetta semplice da realizzare perché non c’è regalo più gradito di quello fatto con le proprie mani.

Se anche voi amate esprimere tutto il vostro affetto con la soavità di un dolcino fritto e dal ripieno cremoso, indossate il grembiule da chef e mettetevi all’opera!

Per queste piccole bignole ci vuole un vino bianco dolce ma la dolcezza va controbilanciata da una vena sapida e minerale. Provate in abbinamento un calice di Moscato Passito di Baselice.

Valeria suggerisce invece una tazza di Matcha Geinmacha, tè verde giapponese dalle note minerali e di riso tostato.

Alba

bignola

Continua a leggere Bignole con crema pasticcera

Sata Andagi (Okinawan doughnut holes)

In Oriente e in gran parte del Sud-Est asiatico durante il settimo mese del calendario lunare si venerano i morti, un po’ come succede da noi tra ottobre e novembre: il settimo mese in questo 2016 è iniziato il 3 agosto e finirà il 31 agosto.

Questo periodo è molto sentito grazie anche a una solida tradizione del folklore cinese e a una festività buddista che si sono in molti casi sovrapposte: quest’anno ho deciso di affrontare questa occasione dal punto di vista giapponese, ma il folklore e le consuetudini cinesi meriteranno un altro post.

Durante l’Obon (come viene chiamato in Giappone) le porte del mondo dei morti si aprono lasciando che gli spiriti vaghino sulla terra: sia che essi siano buoni o cattivi. Il culmine viene raggiunto durante la notte di luna piena.

Tradizionalmente la famiglia si riunisce per festeggiare il ritorno degli antenati e tra le consuetudini vi è la pulizia e la preghiera sulla tomba dei cari (e anche su quelle tombe di chi non ha parenti per aiutare lo spirito), l’offerta di cibo agli spiriti sia materialmente sia attraverso il fuoco, la costruzione di “mezzi” per aiutare il viaggio degli spiriti (famose le lanterne lasciate fluttuare sull’acqua per indicare la via verso l’oltretomba) e, sopratutto, spettacoli, fuochi d’artificio e danze che illuminano la notte.

Durante la notte di luna piena si può assistere al Bon Odori: una danza tradizionale eseguita anticamente nei recinti dei templi, ma trasferita al giorno d’oggi in qualsiasi punto che possa raccogliere abbastanza gente. Le donne e gli uomini indossano lo yukata, il tipico kimono estivo, e non è raro vedere appeso alla fascia degli uomini l’Inro, una scatola di legno porta oggetti.

Durante questa festa il cibo da strada diventa protagonista, così ho voluto scegliere una ricetta tipica di Okinawa che racchiudesse in sé quel crogiolo di culture che è l’isola stessa: i Sata Andagi.
Sono delle specie di palline di  “torta” fritte, veloci da fare e da servire ben calde (magari con una spolverata di zucchero a velo). Il guscio rimane croccante, mentre l’interno ricorda quello di una torta. L’unica accortezza è regolare bene la temperatura e non vi preoccupate se durante la cottura si apriranno leggermente: vorrà dire che vi stanno sorridendo! 🙂

Preparateli per una serata magica accompagnandoli da fette di angurie, spiedini (da provare quelli di totano), takoyaki, yakitori, yakisoba e l’immancabile granita.

Abbinateli infine a un bicchiere di Matcha Genmaicha, tè verde giapponese che al gusto tostato del riso unisce l’anima verde della polvere di Matcha.

Alba suggerisce in abbinamento un Moscato di Baselice, vino dolce, mai stucchevole, morbido, supportato da una vena fresca e rimandi olfattivi suadenti di frutta e fiori gialli.

Valeria

p_20160816_131807_df_1.jpg

Continua a leggere Sata Andagi (Okinawan doughnut holes)

Tartine dolci al cioccolato bianco e tè verde Matcha

ovverosia

Il compleanno di Passioni da Bere – 2° Edizione

Il 20 Marzo 2015 è una data importante: è la Giornata Internazionale della Felicità, è l’Equinozio di Primavera, è Luna Nuova, mentre questo articolo viene pubblicato sta avvenendo una Eclissi di Sole (quindi munitevi di una maschera da saldatore o protezioni apposite e saltate fuori a vedere il sole che scompare: continuerete a leggere dopo!), ma soprattutto è il 2° Compleanno di Passioni da Bere!

Chi ci conosce già da un po’ sa che Passioni da Bere è nato come un progetto dalle ambizioni lavorative e piano piano nel corso di questo biennio Alba e io ci siamo date da fare, dentro e fuori dal web, per concretizzare questo progetto: avete assistito alla nascita del blog con tutte le nostre ricette, le nostre foto e, ovviamente, le nostre schede dei vini e dei tè; avete seguito le iniziative con la realizzazione del Logo ufficiale (e relativi biglietti da visita) e i primi passi nel mondo reale.

Passioni da Bere è cresciuto e ha un pubblico assiduo e attento che ogni tanto ci manda delle segnalazioni su immagini e scritte “molto simile alle nostre” tanto da farci pensare di creare l’hashtag #ItIsn’tPdB sulla nostra pagina Twitter e/o Facebook. 😀
A parte gli scherzi, queste segnalazioni sono state la giusta spinta per farci decidere di fare un passo avanti, di renderci professionali: il blog si è trasformato in sito, mettendo in primo piano Chi Siamo e i Servizi offerti come chef e sommelier a domicilio, ma lasciando sempre la pagina Blog con tutte le nostre ricette e che aggiorniamo ogni settimana con passione.

In una giornata oscura come potrebbe essere quella di oggi (la Luna Nuova e l’Eclissi) noi guardiamo al futuro speranzose, in un continuo lavoro che ci auguriamo porti a una rinascita professionale e, perché no, personale.

10896392_10206055837493149_7374767518229365279_oPer festeggiare con noi questo evento vi propongo un dolce chic e semplicissimo da fare, ideale per un tè con le amiche, ma anche per un buffet elegante dove non sfigurerebbe affatto accanto al caviale o ad altre prelibatezze di pesce.

Per esaltare la nota del tè verde, provate queste tartine con un bicchiere di Matcha Genmaicha, tè verde giapponese che unisce il gusto rustico del riso a quello più nobile della polvere di tè.

Per creare una delicata armonia Alba propone in abbinamento un calice di Moscato di Trani, vino dolce, vellutato, sorretto da un corredo sapido e da una piacevole, lunga eco aromatica.

Valeria

11080900_10206058366356369_1589054541957443990_n

Continua a leggere Tartine dolci al cioccolato bianco e tè verde Matcha

Torta con ricotta di pecora ed erbette

Nell’arco immaginario che va dalla Liguria all’Emilia-Romagna non è affatto difficile trovare ricette di torte salate di verdure, ovviamente ogni città, che dico, ogni paesino ha la sua versione “più buona delle altre”.

Le verdure utilizzate sono quelle di stagione, ma di solito vi si trovano usate le bietole o gli spinaci, arricchite da altri ingredienti per renderle appetitose e nutrienti.

In questo caso le erbette sono delle bietole (non da costa) assieme al prezzemolo e alla maggiorana, mentre il gusto ricco della ricotta di pecora e le uova formano una farcia morbida e saporita. Il tutto rinchiuso in un guscio croccante di sfoglia all’olio.

Ottima sia tiepida che fredda, provatela con un bicchiere di Matcha Genmaicha che al gusto tipico del tè verde unisce quello del riso tostato.

Alba propone in abbinamento un Lacryma Christi bianco, vino dal sorso fresco e asciutto con una decisa chiosa sapida.

Valeria

DSCN4754

Continua a leggere Torta con ricotta di pecora ed erbette

Crostata al Matcha con riso e mele

17 Marzo, San Patrizio. Festa prettamente irlandese che festeggia il Santo patrono nazionale è conosciuta in tutto il mondo per il particolare consumo di birra e per il colore verde. Negli Stati Uniti, dove l’immigrazione irlandese ha esportato la festa, esistono parate e manifestazioni di grande attrattiva.

Anche in Italia, specie nei pub, si festeggia questa ricorrenza ed il mondo diventa un pochino più verde smeraldo.

Per celebrare il Santo che spiegò all’Irlanda il concetto di Trinità con un trifoglio in mano e che fuse con successo la cultura celtica con quella cristiana, ho pensato ad una crostata verde-verde, anche perché mi sono accorta con orrore che non avevo ancora proposto nulla con la polvere di tè Matcha.

Sperando che questa dolcissima crostata dal gusto particolare e dal colore ancor più strano possa piacervi, vi suggerisco di abbinarla ad un Matcha Genmaicha per continuare sull’accoppiata riso/tè e sgrassare la bocca dall’intenso sapore del ripieno.

Alba suggerisce in abbinamento un Moscato Passito di Baselice, vino dolce ma non stucchevole puntellato da un sostegno piacevolissimo di sapidità e freschezza.

Valeria

DSCN4873 Continua a leggere Crostata al Matcha con riso e mele

Aperitivo gluten-free di baccalà croccante e patate delfino

L’aperitivo è quel momento in cui tutti gli ospiti sono in arrivo, o sono arrivati, e ci si attarda in piedi a chiacchierare in una sorta di limbo preparatorio. Un po’ ci si studia, si delineano dinamiche sociali antiche o nuove, si formano legami e si rompe il ghiaccio se non ci si conosce.

In questo momento tanto critico si riempiono le pause tra una conversazione e l’altra o tra uno sguardo e l’altro con degli stuzzichini che, per buona pace del cuoco/a, mettono “appetito”.

Baccalà croccante
Baccalà croccante

Ho scelto di proporre un aperitivo privo di glutine e dalla doppia valenza: una scelta vegetariana e una scelta di pesce.

Ho arricchito le patate delfino (intese come onorificenza e non come animale) con un trito di aromi ed il baccalà ha ricevuto nuova croccantezza dalla farina di riso.

Volendo potete decidere di intervallare le ciotole calde con delle ciotoline di popcorn: sempre graditissimi.

Per il nostro pezzo forte, le bevande, scegliete degli eleganti flute: la festa di Capodanno sta per iniziare.

Ho abbinato a questi due stuzzichini un Matcha Genmaicha servito ghiacciato: tè verde giapponese dalla colorazione verdissima e dal sapore di riso soffiato e popcorn.

Alba suggerisce di stappare una bottiglia di Trento Brut, vino spumante metodo classico, fragrante di lievito e di frutta a polpa bianca, fresco e sapido.

Valeria

Patate Delfino
Patate Delfino

Continua a leggere Aperitivo gluten-free di baccalà croccante e patate delfino