Fusilli con fiori di zucca, basilico e feta

Maggio non è solo il mese delle rose ma è anche il mese che vede fiorire le zucche e le zucchine!

E infatti coi primi caldi della tarda primavera, i banchi del mercato si accendono dei colori del sole, si colorano dell’arancio gioioso dei fiori di zucca.

Un ingrediente delicato da maneggiare, un fiore che appassisce in fretta e va scelto quando è ancora turgido e dal colore brillante.

Si sposano benissimo coi formaggi a pasta friabile, per questa ragione ho scelto di combinarli con la feta greca, formaggio saporito prodotto per l’80% con latte di pecora e il restante 20% con latte di capra. Una goduria per palati che amano i gusti decisi e la cucina mediterranea.

Consiglio in abbinamento un Ischia Biancolella, vino bianco leggiadro al sorso, fine, dalla sottile e raffinata spinta minerale.

Valeria propone in abbinamento un bicchiere di Long Jing, pregiato tè verde cinese dall’inconfondibile nota di castagna.

Alba

pasta fiori e feta

Continua a leggere Fusilli con fiori di zucca, basilico e feta

Capitoli 15 – 16 – 17, un bicchiere di Long Jing e tartine salmone e rucola

Ornella ed Elisa sono intente a stoccare gli scatoloni nel laboratorio di Ornella e qui saltano fuori con prepotenza i caratteri “complementari” delle due amiche: quanto è precisa, insicura e ansiosa Elisa, Ornella è disordinata, ribelle e tranquilla. Detto fatto praticamente Ornella obbliga Elisa a partire per Roccamori e alloggiare nell’unica locanda: “Locanda degli amori perduti”.

Capitolo 16. 9 anni prima. Purtroppo scopriamo che la madre di Elisa è morta per un male che le ha lasciato poco tempo per organizzarsi. Elisa scopertolo per caso ha deciso che non avrebbe potuto lasciare tutto e stare con Daniele, non avrebbe potuto nemmeno amarlo e così scomparve dalla sua vita, facendogli recapitare il biglietto da Aldo e non facendosi più sentire. (Il capitolo è uno di quelli che ti lascia il magone addosso!).

Intermezzo. Un’altra delle misteriose pagine del libro “Le regole del tè e dell’amore” dove si mette in relazione il tempo d’infusione con il tempo dedicato alla vita e all’amore.

Capitolo 17. 26 anni prima. Elisa è cresciuta in una famiglia formata solo da lei, dalla madre e dalla zia: le altre mamme evitavano quella casa e la sua solitudine veniva alleviata dal tè in cui lei riconosceva signori dai diversi caratteri: il Long Jing, l’Assam, ecc. erano diventati i suoi amici. Continuiamo a conoscere la madre: una donna intransigente con una vena dolorosa di sottofondo.
Erano 3 signore sole, ma erano anche 3 principesse!

Quando si infonde il Long Jing le foglie danzano roteando e sembrano proprio le spire di un dragone che si annodano e si snodano: ecco, qui siamo a un punto in cui i nodi iniziano a diventari visibili, le cose si fanno più pressanti.

Sono contenta che questo capitolo sia finito proprio nel giorno della Festa della Donna perché possiamo ammirare mille sfaccettature di donne diverse da loro e ognuna con le proprie motivazioni.

In più, per festeggiare, gli ho anche abbinato delle tartine veramente deliziose.

Se voleste abbinarci un calice di vino, Alba consiglia in abbinamento un Franciacorta Rosè, sottile nell’effervescenza, dotato di freschezza e sapidità, rivela un assaggio teso e piacevolmente fruttato.

Valeria

Tartine al salmone e crescione (ricetta originale)

Ingredienti:

  • pane in cassetta (consigliato il pane di segale)
  • salmone affumicato
  • maionese
  • salsa di rafano
  • burro (o formaggio spalmabile)
  • foglie di crescione

Con una forchetta, spezzettate le fette di salmone e mescolatele alla maionese e al rafano, fino a ottenere un composto morbido. Aggiungete sale e pepe. (Se potete, l’ideale sarebbe preparare questa mistura un giorno prima e lasciarla riposare in frigorifero in un contenitore ermetico.)
Imburrate una fetta di pane (o spalmatevi sopra il formaggio), unite la mistura al salmone, coprite con una foglia di crescione e con un’altra fetta di pane imburrata.

Tartine al salmone e rucola (mia variante)

Ingredienti:

  • pane di segale in cassetta
  • salmone affumicato
  • maionese
  • wasabi
  • sale, olio e pepe
  • rucola

Condite con sale, olio e pepe la rucola.
Aromatizzate a gusto la maionese con la salsa wasabi.
Sistemate l’insalata di rucola sulle rondelle di pane di segale, adagiatevi sopra un po’ di salmone e decorate con la maionese al wasabi.

Macedonia di ananas al Rum con biscottini al mais

Oggi voglio deliziarvi con un dessert sano e semplice a base di frutta fresca e secca.

Per restare in tema col menù americano ho pensato alla combinazione tra un frutto esotico (di provenienza latinoamericana) e i corn flakes, i mitici fiocchi di mais inventati dai fratelli Kellogg sul finire dell’800.

I biscottini sono fatti con una percentuale di farina di mais e aromatizzati con i semi della bacca di vaniglia, una pianta originaria delle foreste tropicali del Messico. In Italia si preferisce l’uso della vaniglia al naturale mentre negli USA il consumo verte soprattutto sugli estratti di vaniglia.

La macedonia è arricchita dalla nota alcolica del Rum, proprio perché l’ananas col suo gusto fresco, dolce e succoso si sposa felicemente con questo distillato tanto da ritrovarli, insieme al latte di cocco, nella Pina Colada, il celebre cocktail da bordo piscina tanto in voga a Porto Rico 🙂

Suggerisco in abbinamento un Trentino Superiore Moscato Giallo Vendemmia Tardiva, vino dolce e fresco con netti rimandi di frutta gialla sciroppata.

Valeria invece suggerisce una tazza di Long Jing, tè verde cinese pregiato dalla sottile vena aromatica.

Alba

macedonia-di-ananas-con-biscotti-al-mais

Continua a leggere Macedonia di ananas al Rum con biscottini al mais

Prosciutto e fichi con feta e pesto di pistacchi di Bronte

Quest’estate ho soddisfatto il desiderio di fare la circumetnea, un bellissimo giro in treno alle pendici dell’Etna. Dal finestrino è un susseguirsi di vigneti, ginestre, fichi d’india, una natura a tratti arida, colate laviche e un mare cristallino a chiudere il viaggio.

Scesa a Bronte mi sono subito accomodata in una trattoria e ho mangiato un’ottima pasta fresca condita col pesto di pistacchio, un pesto profumato e saporito fatto con l’olio extravergine siciliano, un prodotto d’eccellenza agroalimentare.

Ho voluto proporre il pesto di pistacchi in questa ricetta insieme ai fichi settembrini che grazie al loro delizioso gusto zuccherino si sposano bene con alimenti sapidi come il prosciutto e la feta, creando un contrasto molto interessante.

Potete conservare il pesto in frigo per 3-4 giorni in un barattolo oppure congelarlo.

Propongo in abbinamento un COF Friulano, vino bianco dall’assaggio polposo, morbido, caldo arricchito da una sapidità quasi salina.

Valeria suggerisce un bicchiere di Long Jing, pregiato tè verde cinese dalla caratteristica nota di castagna d’acqua.

Alba

SONY DSC
Prosciutto e fichi con feta e pesto di pistacchi di Bronte

Ingredienti Continua a leggere Prosciutto e fichi con feta e pesto di pistacchi di Bronte

Polipetti in umido con piselli e gamberi serviti con couscous

Per la ricetta del giorno mi sono ispirata alla cucina delle trattorie romane, cucine antiche dove è ancora possibile gustare le seppie o i calamari coi piselli.

Pietanza semplice ma prelibata che ho contaminato con la tradizione partenopea del polipetto, ho arricchito con i gamberi e ho completato col couscous per renderlo piatto unico.

Le preparazioni in umido rendeno i polipetti e i moscardini particolarmente morbidi e gustosi.

Per questa ricetta andranno benissimo anche i calamaretti o le seppioline basta solo regolarsi con i tempi di cottura.

Sentirete che profumo!

Suggerisco in abbinamento un calice di Cirò rosato, vino sapido, fresco e piacevole al palato, con una decisa impronta minerale e una chiusura dai ritorni fruttati ed erbacei.

Valeria propone per questo piatto primaverile e dalla tendenza dolce un Long Jing, pregiato tè verde cinese dalla nota di castagne e con una spiccata astringenza.

Alba

SONY DSC
Polipetti in umido con piselli e gamberi serviti con couscous

Ingredienti Continua a leggere Polipetti in umido con piselli e gamberi serviti con couscous

Scampoli di pasta con fave su crema di zucchine al basilico

SONY DSCSe vi ritrovate con dei ritagli di pasta avanzata da altre preparazioni (come i ravioli o le tagliatelle) potreste decidere di adoperarli per una fumante minestra di fagioli o per deliziarvi con un bel sughetto di pomodorini freschi sciuè sciuè, come si usa dire a Napoli 🙂

Per omaggiare la primavera, che in questi giorni tarda ad arrivare, ho preferito un’esplosione di profumi e colori direttamente dall’orto.

Si tratta dunque di un primo piatto vegetariano che mantiene integro il sapore di ogni singola verdura grazie a cotture semplici e veloci e alla scelta dell’olio extravergine d’oliva italiano spremuto a freddo come condimento.

Stavolta ho usato l’olio di Canino, un olio di categoria superiore, con bassissima acidità e dal gusto eccellente.

Per completare la genuinità di un pranzo informale, magari a Km zero, si potrebbe optare, perché no, per un vino biodinamico.

Consiglio una bottiglia di Frascati Superiore, vino bianco dalla bella sapidità minerale, fresco e di moderata morbidezza ben integrata. Nel finale possiamo ritrovare rimandi alle tinte olfattive floreali e di erbe aromatiche.

Valeria consiglia un bicchiere di Long Jing, tè verde cinese prezioso e che ben si accorda con i sentori vegetali di questo piatto.

Alba

SONY DSC

Continua a leggere Scampoli di pasta con fave su crema di zucchine al basilico