Insalata mista con cuori di carciofo marinati, punte di asparagi e viole del pensiero

Un menù pasquale dedicato alle erbe aromatiche e al tripudio primaverile dei nostri campi e boschi non poteva fare a meno di una ricca insalata arricchita dal colore dei fiori.

L’utilizzo dei fiori eduli nelle insalate sembra sempre molto innovativo e strano, ma in effetti ormai sono molti anni che si è riscoperta questa tendenza.

Come linea di massima tutti i fiori delle piante aromatiche sono commestibili come i fiori dell’aglio o dell’issopo, poi vi sono fiori considerati “ornamentali” come le viole o le rose che hanno petali oltre che profumati anche gustosi.

Per tutti vige la somma regola del non essere stati trattati con agenti dannosi per la nostra salute: quindi la maggior parte dei fiori del fiorista è da scartare perché venduti con scopi ornamentali e non alimentari.

Per avere fiori sicuri si possono seguire tre vie in realtà abbastanza facili:

  • la prima, più lunga, è il coltivarseli partendo dai semi, ma non vi darebbe l’ingrediente pronto per quest’anno! 😀
  • la seconda è acquistare in un vivaio la piantina specificando che la volete per mangiarvela: se il vivaista ha deciso di riservare a queste piante una sezione la troverete di sicuro;
  • la terza è cercare presso i fornitori dei ristoranti, nei supermercati ben forniti oppure on line delle confezioni di fiori eduli belle che pronte! 😉

L’insalata dovrebbe essere preparata poco prima di essere portata in tavola così come il condimento che andrebbe rigorosamente servito a parte: questo evita di servire dei vegetali dall’aspetto “sulla via della decomposizione” che non è il massimo!

Ho scelto una salsa emulsionata ricca e agro-dolce-piccante che si sposa perfettamente con le verdure leggermente amarognole di questa insalata. In caso non trovaste il miele di girasole usatene uno altrettanto delicato come quello di cardo o simili e in caso non trovaste l’aceto di riso, ripiegate su uno di mele.

Abbinate questa ricca insalata a un Tie Guan Yin, oolong a bassa ossidazione dalle intense note floreali.

Alba propone in abbinamento una Ribolla Gialla, vino morbido ma piacevole nella freschezza che bilancia. Floreale e salino nel finale.

Valeria

Continua a leggere Insalata mista con cuori di carciofo marinati, punte di asparagi e viole del pensiero

Insalata del Corteggiatore

Quando ho deciso che avrei inserito i broccoli nel menù afrodisiaco di S. Valentino, in molti han storto il naso, ma mi han lasciato fare abituati alle mie stranezze: bene, si sono ricreduti!

La freschezza dell’indivia belga ben si sposa con la forza del gusto dei broccoli e dello sgombro, mentre la citronette alla senape dona un’aromaticità diversa e piccantina.

Anche qui è un tripudio di elementi afrodisiaci, specie per Lui: il broccolo, dall’indubbia forma fallica, le noci e lo sgombro sono ricchi di nutrienti che sostengono e incrementano la produzione degli spermatozoi.

Mi ha divertito molto lavorare sull’uso gergale del termine “broccolo” che può intendere una persona stupida e goffa, ma fa parte anche del verbo “broccolare”, usato per definire l’azione di avvicinamento e tentato abbordaggio di una donna.

La presentazione del piatto è semplice e stratificata, più maschile, con la possibilità di individuare velocemente gli ingredienti.

Se volete trasformare il piatto da intermezzo a un secondo a tutto tondo, sostituite lo sgombro in scatola con quello fresco, magari cotto anch’esso al vapore o in umido.

Gustatelo con una tazza di Chun Mee, tè verde cinese che ben si sposa con l’intensa aromaticità dello sgombro e della citronette.

Alba consiglia in abbinamento un A.A. Kerner, vino bianco dalla vitalità fresco-sapida che sfuma languidamente in ricordi agrumati e di erbe aromatiche.

Valeria

DSCN0310

Continua a leggere Insalata del Corteggiatore

Primo giorno d’Estate e ricettina veloce

E siamo giunti al solstizio d’Estate: quest’anno le stagioni son state pazzerelle e ci han fatto penare, mi chiedo ancora se la Primavera sia imboscata da qualche parte!

Il caldo è arrivato pesante e improvviso non lasciando molto spazio ai ripensamenti e le ondate di calore rischiano di metterci KO molto presto.

Per affrontare tutto ciò bisogna sempre tenere a mente piccole regole generali:

  • Foto di Alba.  Naschmarkt, Vienna.
    Foto di Alba.
    Naschmarkt, Vienna.

    rinfrescare l’ambiente domestico e lavorativo in modo oculato;

  • indossare un abbigliamento leggero, comodo e traspirante;
  • proteggere la pelle, gli occhi e la testa;
  • fare attenzione agli sbalzi di temperatura degli ambienti;
  • non rimanere sotto il sole nelle ore più calde, ben che meno se si è in macchina;
  • fare pasti leggeri e porre attenzione alla conservazione domestica degli alimenti;
  • bere molti liquidi e mangiare molta frutta e verdura;

Così seguendo queste indicazioni oggi vi voglio proporre una ricettina famosa, veloce, leggera e facile: il pinzimonio.

Ho deciso di usare le verdure di stagione trovate al mercato e di formare una salsina estremamente basica, ma gustosa.
Servito in coppe e con la giusta presentazione, il pinzimonio può diventare un aperitivo estivo sfizioso e salutare.

Ho deciso di abbinarci un tè Nilgiri, poiché il mix di sapori dolci come la carota e forti come la cipollina ha bisogno di un liquore che li armonizzi legandoli alla vinagrette. La temperatura di servizio è a gusto: caldo per i tradizionalisti, ghiacciato per gli “in Estate il tè è freddo!”. 🙂

Alba, invece, propone un Gavi da degustare a una temperatura di servizio intorno ai 10°C. Ottimo come in questo caso da aperitivo, puo’ accompagnare piacevolmente le portate successive. E’ un vino bianco fresco, sapido, minerale spalleggiato da dolci sensazioni floreali e di frutta a polpa bianca.

Valeria

pinzimonio Continua a leggere Primo giorno d’Estate e ricettina veloce