Brownie Sundae Fairtrade

Anche quest’anno Passioni da Bere partecipa alla grande sfida Fairtrade con delle ricette pensate per la festa della mamma.

Nel pianificare la ricetta Fairtrade per la festa della mamma di quest’anno ho pensato al fatto che la mia di mamma oggi sta a più di 450Km da me…sono quasi sicura non riuscirà ad assaggiare la ricetta…quindi mi sono gettata su qualcosa di particolarmente goloso e sontuoso e caotico e…insomma qualcosa da mangiare quando la mamma non c’è.

Ho scelto moltissimi prodotti Fairtrade e li ho combinati tutti assieme: cacao amaro, cioccolato fondente e cioccolato bianco della Repubblica Dominicana, zucchero integrale del Perù, gelato alla vaniglia del Madagascar, noci brasiliane e anacardi della Costa D’Avorio, una vera bomba di gusto sfociata nella realizzazione di un brownie sundae.

Il brownie sundae è un dolce che combina due famosissimi (e stracarichi di calorie) dolci americani: i brownie e il sundae. Il sundae è un gelato ricoperto di sciroppo, arachidi e frutta inventato (dice la leggenda) per aggirare le restrizioni imposte dalle Blue Laws, leggi (alcune tutt’ora in vigore) per limitare quelle azioni ritenute disdicevoli nel giorno del Signore (la domenica=sunday): tra queste azioni vi era mangiare il gelato (alcuni dicono il gelato alla soda, una sorta di affogato frizzante).
Il brownie invece è un tortino dal cuore quasi budinoso dato dalla grande quantità di zucchero, cioccolato e burro nella ricetta.

Lo zucchero scelto è quello integrale: umido e dal caratteristico retrogusto di liquirizia che si sposa alla perfezione con la forza del cacao.

Abbinando questo dolce a una tazza di English Breakfast, si esaltano ancora di più le note dello zucchero integrale.

Alba suggerisce in abbinamento un calice di Colli di Conegliano Refrontolo Passito, vino dolce dai tannini levigati , sontuoso nei richiami fruttati e persistente.

Valeria

Continua a leggere Brownie Sundae Fairtrade

Crepe fragole e banana

Ogni tanto mi piace rispolverare alcune tecniche base per comporre piatti diversi: un po’ per farvi vedere che tutto è possibile, un po’ per coccolarvi.

Maggio sta finendo e giornate uggiose e fredde si alternano a giornate da estate piena: è il momento di mettere in campo le ricette fredde e con il gelato! (gaudio e giubilo)
Quindi ecco delle deliziose crepe farcite di fragole, banane e gelato!

DSCN6072Per servirle potreste optare per la classica forma a mezzaluna (quindi ripiegate come una omlette), con la piegatura a 4 tipica dell’asporto, a involtino o come ho fatto io “alla giapponese”!
In Giappone le crepe sono dolci molto in voga (sia d’estate che d’inverno) e vengono servite arrotolandole come fossero una cialda da gelato e riempendole appunto come se lo fosse. Ovviamente essendo la crepe morbida e non rigida per tenerla in forma viene avvolta in una carta di spessore come quella da forno.

Volete renderla ancora più golosa? Eliminate la salsa al cioccolato e stendete uno strato di Nutella!

Abbinate a questa ricetta una tazza di Tie Guan Yin, oolong che si sposa perfettamente con le note fruttate della preparazione o se volete giocare provate con un bicchiere di Crazy Love, un infuso di frutta che aggiunge una nota acidula alla dolcezza della crepe.

Alba consiglia un Brachetto d’Acqui, vino spumante dal gusto fresco, brioso, fruttato che ben si sposa con le caratteristiche aromatiche di questa irresistibile crepe.

Valeria

DSCN6071

Continua a leggere Crepe fragole e banana

Tarte Tatin

Ieri doveva essere un gran bel giorno: era il mio onomastico, avevo fatto l’abbonamento alla palestra ed ero decisa ad andarci, era Martedì e avrei pubblicato un bellissimo dolce auto-celebrativo!
Peccato che la mia probabile e misteriosa intolleranza alimentare a un non ben ancora identificato componente alimentare si sia scatenata nella sua forma più schifosa e abbia passato il supposto bel Martedì a letto con una bacinella accanto per le emergenze! 😦

Oggi va meglio, riesco a stare al computer, quindi il dolce ve lo regalo lo stesso!

Parliamo di una delle torte più famose della cucina francese: la Tarte Tatin, da alcuni conosciuta come “torta di mele rovesciata”.

DSCN4942Allora la leggenda è nota a tutti: pare che una delle sorelle Tatin stesse infornando la sua consueta torta di mele, ma nella fretta di dover servire un gruppo di cacciatori appena arrivati alla sua locanda, si era dimenticata il piccolo fondamentale particolare di piazzare sul fondo della teglia la pasta brisèe. Accortasi dopo un po’ che dal tavolo di lavoro la sfoglia la guardava con aria malinconica, sfornò le mele quasi cotte, le ricoprì con la sfoglia, cosse il tutto e rovesciò nel piatto la torta per salvare il salvabile: fu subito un successo!

Nei bistrot francesi la Tarte Tatin viene servita tiepida (quindi non fredda) e accompagnata da panna montata o gelato: oggi vi propongo quest’ultima versione.

Vi invito ad assaggiare questa torta assieme ad un calice di Mòlìhuā lóngzhū, tè cinese sublime e delicato, che con le sue note di gelsomino di sposa perfettamente con il gelato e contrasta elegantemente la dolcezza del piatto.

Alba propone in abbinamento un Trentino Superiore Moscato Giallo Vendemmia Tardiva, vino di moderata dolcezza e tipico sentore aromatico, fresco e piacevole.

Valeria

DSCN4937

Continua a leggere Tarte Tatin