Insalata fresca di quinoa

Il 2013 è stato eletto dalla FAO l’anno della quinoa, potente alleato nella lotta alla fame, alla malnutrizione e alla povertà.
Ma che cosa è esattamente la quinoa?
La quinoa è uno pseudo-cereale che per secoli è stato il nutriente principe delle popolazioni andine e ancora oggi è alla base della dieta delle popolazioni Quechua e Aymara.  E’ naturalmente priva di glutine e viene spesso consigliata come fondamentale nelle diete per celiaci eguagliando in Kcal i più comuni mais, riso o grano, ma dando un ottimo apporto di proteine di qualità (come la Lisina) e decisamente più bilanciate. In più ha un buon apporto di fibre, acidi grassi “buoni”, vitamine e minerali come il ferro, il magnesio e lo zinco.
Profondamente adattabile dal punto di vista della coltivazione, si stanno avviando progetti per individuare le regioni migliori dove avviare la coltura di questo “super-cibo”. Uno di questi progetti è “Quinoa Felix” in Campania i cui obbiettivi sono verificare l’adattabilità delle varietà di quinoa e la selezione delle varietà più adatte per la regione, valutare le caratteristiche funzionali, nutrizionali e chimiche della quinoa, sviluppare un supporto tecnologico per l’intero ciclo di produzione, perfezionare la produzione e l’uso della quinoa, effettuare analisi di mercato per i prodotti a base di quinoa.

L’insalata che vi propongo oggi è sia un ottimo contorno che, in quantità maggiori, un piatto fresco per una gita primaverile.

Abbinate a questa insalata un bicchiere di fresco Darjeeling con una fettina di limone che completerà con una nota acida il sapore del piatto.

Alba suggerisce in abbinamento un A. A. Pinot bianco, vino dall’assaggio coinvolgente e nitido puntellato da freschezza e stuzzicante sapidità.

Valeria

DSCN5866

Continua a leggere Insalata fresca di quinoa

Biscotti salati di farina di ceci con salsa all’avocado e yogurt

Iniziamo questo menù pasquale senza glutine con un aperitivo divertente e speziato.

I biscotti sono a base di farina di ceci, ma se siete fan delle panisse o delle panelle (fette di polenta di farina di ceci fritte), vi esorto a commutare la ricetta per realizzare delle panisse aromatiche e ideali da accompagnare alla salsa: quindi eliminate il bicarbonato e il burro e aumentate l’acqua a 540ml; realizzate una polenta cuocendo e mescolando in continuazione la farina con l’acqua e, alla fine, le spezie; lasciatela riposare in uno stampo bene oliato e quando sarà solidificata tagliatela a fettine sottili; friggete le fettine in abbondante olio caldo.

La salsa invece è una specie di guacamole allo yogurt impreziosito dal gusto piccante della senape e del peperoncino. Il fieno greco che vedete tra gli ingredienti è una spezia molto utilizzata in India e rientra tra i componenti del curry: ideale come ricostituente, ha un sapore amarognolo.

Come per tutti gli ingredienti, anche per le spezie, fate molta attenzione alla contaminazione crociata.

Accompagnate il tutto con un bicchiere di Darjeeling freddo a piacere decorato con fettine di limone o cetriolo.

Alba propone in abbinamento un Franciacorta Brut, fragrante, fresco, sapido con un ricco e persistente perlage.

Valeria

DSCN5859

Continua a leggere Biscotti salati di farina di ceci con salsa all’avocado e yogurt

Crema catalana alla cannella

Questo antico e delizioso dolce al cucchiaio è un must della cucina catalana, ma che ormai, assieme alla crème brûlée ha sconfinato entrando di diritto nella ristorazione europea.

La particolarità di questa crema è che in patria viene anche chiamata “Crema de Sant Josep” e cucinata e servita proprio in occasione del 19 Marzo per la festa del papà: una tradizione che ho voluto riproporvi per questo sabato dedicato a tutti i nostri padri.

Preparate una bella tazza di Darjeeling autunnale, tè indiano delicato dal profumo speziato che ben si accosta alla “piccantezza” della cannella e alla voluttuosità della crema.

Alba consiglia in abbinamento un Moscato Passito di Pantelleria, vino dolce e carezzevole, ben bilanciato da una sostanziale freschezza. Lunga la persistenza sul finale dalla scia minerale.

Valeria

DSCN5342

Continua a leggere Crema catalana alla cannella

Saccottini di verza al tonno con fontina

Ho annoverato nel mio personalissimo elenco dei piccoli piaceri, quelli che l’antropologa Francoise Héritier chiama “il sale della vita”, il mondare la verza.

L’ho fatto perché questi gesti hanno una grazia ovattata che evoca, come in un déjà-vu, una cucina povera e antica..il torsolo tagliato alla base e poi il suono delle foglie strappate che crocchiano sembrano preannunciare il profumo di una zuppa bollente, di un sapore perduto e carico di nostalgia.

Cruda, tagliata a striscioline, sbollentata, cotta in saporite minestre, ingrediente che dà carattere alle quiche o ai pizzoccheri, la verza saprà regalarvi gustosi momenti a tavola.

Ma torniamo alla ricetta di oggi, un piatto unico sicuramente moderno e veloce da realizzare.

Con le sue fogli scure, increspate e frastagliate, la verza, uno degli ortaggi simbolo dell’inverno, è ricca di antiossidanti, sali minerali e vitamina C.

Per non vanificare i benefici dei suoi preziosi nutrienti ho scelto una tecnica di cottura tra le più salutari, quella al vapore.

Suggerisco in abbinamento un Colli Berici Garganega, vino bianco fresco e vivacemente minerale con un piacevole retrogusto di mandorla.

Valeria suggerisce di servirli abbinandoli a un bicchiere di tè Darjeeling G.F.O.P. freddo.

Alba

saccottini di verza

Continua a leggere Saccottini di verza al tonno con fontina

Sformato di zucca e fagioli bianchi alla grappa

La zucca è uno degli ingredienti principe dei menù di Halloween sia per la sua simbologia sia perché è di stagione.
In questa prima ricetta per iniziare il nostro menù vegetariano, la zucca si trasforma in un invitante e saporito sformato dalle note aromatiche che mi ricordano il ponente ligure e le sue paste fritte, ma con una sferzata data dalla grappa.

Accompagnate questi quadratini di sformato ad una tazza di Darjeeling G.F.O.P., che con le sue note leggermente astringenti ben contrasta la dolcezza del piatto.
Alba consiglia un Colli Berici Garganega, vino bianco fresco, minerale, dal piacevole retrogusto ammandorlato.

Valeria

wpid-p_20151023_143454_df_1.jpg

Continua a leggere Sformato di zucca e fagioli bianchi alla grappa

Involtini di bietole arcobaleno e frittata di riso con verdure

Uno di quei piatti che non diresti mai di riciclo…ma che lo è!
Infatti è una preparazione ideale se si hanno del riso cotto e delle verdure in padella avanzate e che malinconiche ci guardano dal frigo.

L’aggiunta di formaggio e uova trasforma questi involtini in un piatto unico saporito, facile anche da portarsi dietro per un pic-nic o una scampagnata.

Le bietole arcobaleno non sono nulla di strano o esotico: sono una varietà di bietole che invece di avere le coste bianche, sono variopinte passando dal giallo al rosso, rendendo più allegro il piatto. Diciamo che sono considerate trendy! 😀

Se durante la preparazione vi accorgete che alcune foglie sono troppo piccole o che si son rotte irrimediabilmente: niente paura! Affettatele e aggiungetele semplicemente alla farcia. 😉

Serviteli abbinandoli a un bicchiere di tè Darjeeling G.F.O.P. freddo, per contrastare la calura e mitigare la spiccata dolcezza del piatto.

Alba propone in abbinamento un Colli Berici Garganega, vino bianco dal sorso fresco, piacevolmente sapido che chiude ammandorlato.

Valeria

DSCN5016

Continua a leggere Involtini di bietole arcobaleno e frittata di riso con verdure