Potpourri di farro e pollo

Da piccola non capivo il significato del potpourri: fiori secchi che profumavano come veri, ma di un profumo che non era il loro. Crescendo ho inizato a cercare di capire la  bellezza che poteva nascondersi dietro queste ciotole piene di qualunque cosa: a volte mi perdevo nell’osservali, guardando il caos in tazza.

Ecco a volte ho solo voglia del caos in una ciotola: non mi va di cucinare cose ordinate, canonicamente belle, a volte vorrei solo che siano eterogenee e soddisfacenti.

Così nasce questo piatto, da un pranzo con tutti gli elementi e qualche cosa di inaspettato come le bacche di goji che con il loro sapore acidognolo hanno aggiunto una nota estiva a un piatto autunnale. Il pollo, lasciato grossolano, contrasta con quelle piccole gemme rosse e via: potreste anche chiamarlo “pastone” come gli chef della televisione farebbero, ma il gusto è ottimo e mangiato davanti alla vostra serie televisiva preferita in un momento di relax da tutto ne acquisisce anche di più.

Non abbinerei un tè troppo intenso quindi il mio abbinamento ricade su un Dong Ding, oolong versatile che ben si sposa con il gusto delicato della preparazione.

Alba consiglio in abbinamento un Soave Classico, vino bianco strutturato e morbido, supportato da una buona spalla fresco-sapida e da una chiusura lunga e persistente.

Valeria

p_20170207_141601_1.jpg

Continua a leggere Potpourri di farro e pollo

Pan brioche salato con mandorle e bacche di Goji

La prima volta che ho assaggiato le bacche di Goji ero in un ricercato ristorante cinese al centro di Roma, il Green T.

Il solerte sommelier in sala mi spiegò che provengono da un arbusto selvatico della Mongolia e che sono considerate il frutto della longevità.

Incuriosita da questo nuovo sapore, da queste piccole bacche essiccate e dolciastre, ho scoperto che oltre ad essere estremamente versatili in cucina sono fonte di una miriade di sostanze nutritive, ricche di antiossidanti, di acidi grassi essenziali, di flavonoidi e di vitamina C. Praticamente una panacea per rinforzare le difese immunitarie.

Acquistate nel meraviglioso baillame di Piazza Vittorio, ho iniziato a consumarle aggiunte allo yogurt per poi spingermi verso sperimentazioni più ardite sia zuccherate che salate.

È di fatto un ingrediente diffuso nelle ricette asiatiche, dai risotti, alle carni, ai crostacei fino ai dessert e ai succhi.

Quella che propongo oggi è una semplice base di pan brioche salata arricchita da una manciata di mandorle e impreziosita dal gusto particolare di questi frutti, gusto ibrido che si avvicina ad una sorta di incrocio tra l’aspro e il dolce della fragola e del lampone.

Se come me avete voglia di giocare coi contrasti mettetevi alla prova con questo piatto, sfizioso come antipasto e piacevole se servito a colazione con una tazza di tè o con un aromatico caffè.

Consiglio di accompagnare con un calice di Alto Adige Sauvignon, vino bianco abbastanza morbido ma ben sostenuto da una verve fresco-sapida che esalta l’accennata tendenza dolce di questo pan brioche.

Valeria propone un Grand Yunnan, tè rosso cinese che esalta il gusto delle mandorle e si sposa bene con la nota fruttata delle bacche.

 

Alba

 

 

Pan brioche salato con mandorle e bacche di Goji
Pan brioche salato con mandorle e bacche di Goji

Ingredienti Continua a leggere Pan brioche salato con mandorle e bacche di Goji