Funghi saltati alle spezie

Il periodo autunnale dona meraviglie culinarie che richiedono dedizione e fatica o, quantomeno qualche soldino o conoscenza in più! I funghi, quando raccolti da sé sono ancora più buoni, ma se avete la fortuna di avere un fornitore di fiducia ed essere sicuri della loro genuinità, non lesinate e godetene in ogni loro declinazione.

A causa della loro forma particolare, della rarità e della potenziale pericolosità se non si è esperti, i funghi hanno sempre infiammato la fantasia dei popoli, tanto da entrare a pieno diritto in miti e leggende.

Il semplice contorno che vi propongo in questo menù di Halloween può essere realizzato con qualsiasi fungo edibile abbastanza carnoso e se siete stufi dei soliti champignons trifolati perché non provarli in questa ricetta.

Per un’idea in più: usate i funghi così cucinati come base per ravvivare  in padella un riso lesso, o magari come inizio per una autunnale carbonara.

Il gusto speziato finale può farvi pensare a un piatto orientale, ma la ricetta arriva nientepopodimeno che da un trattato in lingua toscana intitolato “Il libro della cucina del secolo XIV”, italiano quindi e medioevale.

Gustate questo piatto accompagnandolo con una tazza di Darjeeling second flush, tè indiano che ben sostiene la ricca speziatura.

Alba suggerisce in abbinamento un A.A Sylvaner, vino bianco dal bouquet di frutta bianca e fiori di campo, piacevolmente fresco e dal finale vegetale.

Valeria

wpid-p_20151028_133556_1.jpg

Continua a leggere Funghi saltati alle spezie

Champignon farciti

I funghi champignon (o prataioli, appunto perché quelli non coltivati crescono nei prati) sono reperibili nei mercati in ogni momento dell’anno. Delicati e senza una forte aromaticità, hanno un cappello bianco o biondo, quest’ultimo con un profumo un po’ più intenso.

Sono eclettici, possono essere consumati arricchendo piatti di ogni genere,anche crudi in fantasiose insalate.

Ho pensato a un contorno facile ma d’effetto da proporre anche come antipasto o per un aperitivo.

Regalano in ogni caso piacevoli sensazioni aromatiche che ben si sposano con un Alto Adige Valle Isarco Sylvaner, vino bianco piacevolmente fresco da degustare giovane per apprezzarne al meglio l’elegante bouquet.

Valeria invece suggerisce un caldo Russian Caravan, tè dalla leggerissima affumicatura da sorseggiare lentamente.

Alba

champignon farciti - foto di Walter Romano
champignon farciti – foto di Walter Romano

Continua a leggere Champignon farciti

Nidi di tagliatelle con asparagi

Sapere che a pranzo mi aspetta la pasta al forno mi mette di buon umore.
Allora ho pensato, vista l’occasione, di darle un’aria primaverile e di presentarla in modo originale utilizzando gli stampi per muffin.
E’ un piatto facile da realizzare ma d’effetto. Purtroppo non ho avuto tempo di preparare la pasta fresca e ho ripiegato su quella secca ma il risultato non mi ha delusa.

Anche stavolta ho preferito farmi guidare dalle stagioni nella scelta delle verdure da utilizzare.
Con le piogge di fine marzo arrivano i primi asparagi selvatici, quelli con lo stelo piu’ sottile. Ho aspettato che dalle campagne finalmente comparissero sui banchi del mercato.
Trovo che il sapore delicato degli sparagi si sposi benissimo con l’intensa aromaticita’ dello speck e nella presentazione del piatto creano anche un gradevole effetto cromatico.

Per l’aromaticità, la tendenza dolce e un lievissimo accenno amarognolo della ricetta ho scelto un vino bianco sapido e fresco, delicatamente morbido, un Alto Adige Valle Isarco Sylavaner.

Valeria invece ha optato per un tè blu-verde o Oolong: un Ty Kuan Yin.

Alba

Nidi di tagliatelle con asparagi
Nidi di tagliatelle con asparagi – foto di Rossella Reggente

Continua a leggere Nidi di tagliatelle con asparagi