Capitolo 7 e una tazza di Bi Luo Chun

La mia gaiwan e io pronte alla lettura del capitolo 7.

p_20170304_172000_1.jpg

Capitolo breve, ma dove finalmente capiamo che lavoro fa Elisa (mica sta sempre tutto il giorno a bere tè)! La…ehm…donna fortunata (invidia) lavora presso una minuscola casa editrice che ha costruito la propria fortuna redigendo un annuario sul tè. Qui ci viene presentata Giuliana: la “capa” di Elisa, che viene paragonata al Bi Luo Chun. (Il nome letteralmente vuol dire “chiocciole di giada primaverili” e gli fu dato all’incirca a metà del 1600 dall’imperatore Kangxi, che reputò indecente il nome precedente. Leggenda vuole che prima di allora questo tè di montagna venisse soprannominato “fragranza spaventosa”, poiché durante la raccolta, una ragazza, avendo riempito il proprio cesto, mise le restanti foglie tra i seni: il cambio di temperatura fece sprigionare l’intenso aroma del tè, stupendo a tal punto la donna che cadde svenuta.)
Nella pausa pranzo Elisa chiede a Giuliana se ha mai sentito parlare di un tè chiamato Roccamori, ma nulla! L’unica cosa che salta fuori “googlelizzando” Roccamori è un borgo umbro.
Fine del tè a pagina 52.

Valeria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.