Ruota di quinoa al tè verde con zuppa di fave e funghi alla menta su carpaccio di barbabietola al cocco

Il 2016 sta per finire e la ruota dell’anno gira inesorabilmente verso il 2017 portando a termine, continuando e avviando tutto ciò in cui ci siamo impegnati: l’augurio di Passioni da Bere è che questi sforzi siano per voi fonte di felicità! 🙂

Così, pensando a un piatto che mi ricordasse questo continuo scorrere del tempo, ho immaginato una ruota (forse infuocata) che riunisse in sé moltissimi elementi e ne è uscita questa creazione vegana che racchiude diverse consistenze, diverse temperature e diversi sapori.

A mio avviso questa ricetta può essere tranquillamente vista come un antipasto se produrrete delle “piccole ruote” o un primo (forse anche un piatto unico) per chi decidesse di creare due grandi ruote.

Abbinate questa ruota di buon augurio con una tazza di Darjeeling First Flush che con le sue note vegetali ben si abbina alla complessità del piatto.

Valeria

dscn5353-01

Ingredienti da 2 a 6 persone

per la ruota di quinoa

  • 100g di quinoa
  • 500ml di acqua
  • 18g di tè verde Sencha
  • sale
  • poco olio extravergine di oliva

per la zuppa

  • 60g di fave secche decorticate
  • 500ml di brodo vegetale
  • 70g di funghi champignon
  • menta fresca (se si usa quella secca limitarsi a un massimo di 1 cucchiaino)
  • olio extravergine di oliva
  • pepe

per il carpaccio

  • 1 barbabietola cruda (meglio BIO)
  • olio di cocco

Preparate la zuppa. Mettete a bagno per 2 ore le fave.
Passato il tempo pulite accuratamente i funghi e tagliateli a fettine.
Lavate, asciugate e tritate le foglie di menta.
In una pentola rosolate i funghi in un filo d’olio, unitevi le fave scolate e insaporite con la menta e un giro di pepe. Irrorate il tutto con il brodo caldo, mescolate e coprite la pentola. Cuocete a fuoco dolce e mescolando spesso finché le fave non si saranno cotte disfacendosi.
Verso la fine della preparazione regolate di sale.

Preparate il tè verde. Scaldate l’acqua fino a raggiungere la temperatura di 70°C, spegnete il fuoco, versate le foglie di tè Sencha, mescolate, coprite la pentola e lasciate in infusione per un intero minuto.
Al termine del tempo filtrate il tè, gettate le foglie, salate leggermente il liquido ottenuto e versateci la quinoa: cuocete la quinoa seguendo le istruzioni riportate sulla confezione.
Al termine della cottura la quinoa dovrebbe aver assorbito tutto il tè rimanendo compatta come il riso per il sushi.

Preparate il carpaccio di barbabietola. Indossando dei guanti (la barbabietola macchia molto) lavate e pelate l’ortaggio, ricavandone con una mandolina delle fettine simili a del carpaccio.
Condite il carpaccio (è molto delicato) con dell’olio di cocco e, se lo si gradisce, con del sale.

Componete il piatto. Stendete un cerchio di carpaccio, al centro aiutandovi con un coppapasta formate una ruota (quindi cava) di quinoa compattandola al meglio e riempite questo incavo con la zuppa calda.

Servite immediatamente versando un filo di olio extravergine di oliva sulla zuppa, se piace.

3 pensieri su “Ruota di quinoa al tè verde con zuppa di fave e funghi alla menta su carpaccio di barbabietola al cocco

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...