Muruziyya di zucca

La ricetta che vorrei presentarvi oggi era in programma ormai da un po’ di tempo più che altro per il suo ingrediente principale (la zucca) e perché a me piace tantissimo, ma mi rendo conto che a causa dei fatti sociali avvenuti negli ultimi giorni, molti di voi le daranno una lettura politica: nulla di tutto ciò!
Se proprio volete potreste darle una lettura storica ed etnologica, perché è esattamente quello che è: una ricetta che con le sue minime varianti si può ritrovare in un arco che va dalla cucina andalusa a quella mediorientale passando per tutto il Mediterraneo, Sicilia compresa.

Il bel libro da cui è tratta si intitola “L’Islam a tavola – Dal Medioevo a oggi” edito da Laterza nel 2004 e scritto da Lilia Zaouali, tunisina e professoressa universitaria di etnologia e scienze della religione a Parigi, nonché collaboratrice nelle università italiane e per Slow Food.

La dolcezza è il gusto dominante, ma con una leggerissima nota agra che rende questo piatto perfetto accostato a piatti di carne con le castagne o a piatti vegetariani a base di ceci.
I ceci potrebbero anche essere una soluzione per donare al piatto una cremosità superiore: se verso la fine, prima di aggiungere l’uva passa e l’aceto, vi accorgerete che avete abbondato troppo con l’acqua e il piatto risulta troppo liquido, unite al tutto un po’ di purea di ceci cotti per inspessire il sughetto.

Per armonizzare visivamente il piatto ho usato dell’uva passa bianca e dell’aceto dal colore chiaro, ma potreste giocare sui colori per abbinarlo al vostro piatto forte.

Abbinate questa Muruziyya a una tazza di tè verde Long Jing in grado di contrastare l’estrema dolcezza, senza però sovrastarla.

La tendenza dolce della zucca potrebbe acquisire maggiore aromaticità e grassezza se servita ad esempio con l’arista di maiale o con le castagne. Alba consiglia dunque in abbinamento un COF Ribolla Gialla, vino bianco ben bilanciato in freschezza e sapidità e dotato di una piacevole intensità gusto olfattiva.

Valeria

RSCN5254

Ingredienti

  • 400g di zucca (peso già pulita)
  • 1 cipolla
  • 1 manciata di uva passa
  • 1 cucchiaio di aceto (vino bianco o mele)
  • 2 cucchiai di olio di oliva
  • 2 cucchiai di zucchero
  • pepe nero
  • sale

Mettete l’uva passa a rinvenire in acqua tiepida.

Mondate le verdure: rimuovete la scorza dura dalla zucca e gli strati esterni della cipolla, lavatele.

In una casseruola scaldate l’olio e rosolateci la cipolla tagliata a rondelle e la zucca a pezzi, assieme allo zucchero. Cuocete saltando spesso per 5-10 minuti.

Versate acqua nella pentola fino a ricoprire appena le verdure, salate e pepate, chiudete con un coperchio e abbassate la fiamma.

Lasciate cuocere finché la zucca non sarà cotta, ma ancora soda.

A questo punto scoperchiate la pentola, alzate la fiamma e aggiungete l’uva passa scolata e l’aceto.

La cipolla si sarà dissolta formando una bella cremina, quindi mescolate con delicatezza per non rompere la zucca e cuocete a fiamma viva per circa 4-5 minuti.

Potete servirla calda o fredda.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.