Spaghetti integrali con filetti di gallinella e crema alle mandorle

La scintilla per questa ricetta è partita dalla visione sullo scaffale del mio barattolo di crema di mandorle e dalla possibilità di usare questa preziosa e 100% pura salsa vegetale anche in versione salata (tra le dolci possiamo ricordiamo i Brownies capresi di marzapane).

Il passo dopo è stato prendere un piatto semplice e dietetico come degli spaghetti con del pesce bollito e renderlo voluttuoso e peccaminoso :p

Ho scelto il pesce gallinella perché adattissimo a essere lessato, al tempo stesso produce un delicato e saporito fumetto di pesce e in più è di stagione. Chiedete al pescivendolo di eviscerarlo e pulirlo per essere cotto intero e poi sfilettato.

Per donare una sferzata di sapore alla crema ho deciso infine di usare l’aglio in buona quantità, quasi ad ottenere una agliata che conferisce carattere alla dolcezza delle mandorle, ma utilizzandolo sia lesso che crudo per smorzarne la forza.

Un appunto ancora sulla crema di mandorle, se non riusciste a trovare la crema 100% (quindi senza zuccheri aggiunti), è consigliabile utilizzare mandorle fresche (molto oleose) o far rinvenire quelle secche in acqua per una notte intera e poi lavorarle con qualche gheriglio di noce e olio di mandorle dolci (a uso alimentare).

Provate questo piatto con una tazza di Darjeeling FF – FTGFOP1 – Monteviot (biologico), tè nero indiano dalle note estive o, se siete amanti del tè verde, con una tazza di Ceylon Oliphant Nuwara Eliya, tè dello Sri Lanka dalle note quasi di liquirizia.

Per accompagnare al meglio questo piatto Alba suggerisce un Riviera Ligure di Ponente Vermentino, vino bianco delicatamente morbido e strutturato, fresco.

Valeria

wpid-p_20151106_134132_df_1.jpg

Ingredienti per 4 persone

  • 360g di spaghetti integrali
  • 150g di crema di mandorle 100%
  • 4 spicchi di aglio grandi
  • 3g di zenzero fresco (una bella fettona)
  • 1 mazzolino di prezzemolo
  • 1 pesce gallinella (per ricavarci dai 400g ai 720g di filetti: dipende dalla fame!)
  • sale grosso

Lavate e asciugate il prezzemolo, infine dividetelo tra gambi e foglie.

Mondate gli spicchi di aglio.

Possibilmente in una pescera adagiate il pesce sull’apposita griglia, i gambi del prezzemolo e 3 degli spicchi di aglio. Ricoprite il tutto di abbondante acqua fredda e salate per un buon brodo.

Portate a ebollizione, abbassate la fiamma e schiumate spesso. Cuocete per circa 10 minuti o finché la gallinella non sarà cotta (dipende dalla grandezza): le carni dovranno cedere alla pressione di un dito, ma non sfaldarsi.

Togliete il pesce dal brodo, sfilettatelo e tenete i filetti al caldo.

Filtrate il brodo: in un sacchettino apposito o di mussola introducete i gambi di prezzemolo, gli scarti del pesce (testa, lische, ecc.) e il residuo filtrato; gli spicchi di aglio se saranno ben lessati metteteli da parte, in caso contrario riponeteli nella pescera. Togliete la griglia, versate il brodo nella pescera, il sacchettino e portate a ebollizione. Cuocete gli spaghetti nel brodo.

Intanto che la pasta cuoce preparate la salsa: in un mortaio o in un frullatore schiacciate lo spicchio di aglio crudo assieme allo zenzero, unite gli spicchi lessati e, quando avrete frantumato il tutto, aggiungete la crema di mandorle.

Diluite il pastone ottenuto con un po’ di brodo di cottura e aggiustate di sale e pepe se necessario.

Tritate le foglie di prezzemolo.

Eliminate il sacchettino degli scarti, scolate la pasta e conditela con i filetti di gallinella, la salsa alle mandorle e una spolverata di prezzemolo.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...