Matcha crème brûlée

Oggi, per l’onomastico della nostra chimica Silvia, Alba e io abbiamo deciso di dedicarle una ricetta al cucchiaio, una crème brûlée aromatizzata al tè Matcha.
Il Matcha utilizzato è del tipo apposito per cucinare e dona alla crema un particolare colore verde e l’intenso gusto del tè giapponese.
La ricetta seguita è tratta da uno dei miei canali youtube preferiti: “Cooking with Dog” con la voce del cane Francis e la bravissima Chef.

Accompagnate questo intenso dolce al cucchiaio con una tazza di Long Jing, tè verde cinese che ben contrasta la dolcezza del piatto.

Alba consiglia in abbinamento una Malvasia delle Lipari, vino dolce, avvolgente, ben bilanciato da freschezza e mineralità salina.

Valeria

wpid-p_20151103_173320_df_1.jpg

Ingredienti per 4 porzioni

  • 100ml di panna fresca
  • 80ml di latte
  • 30g di zucchero
  • 1/2 cucchiaio raso di tè Matcha
  • 2 tuorli
  • Zucchero extra per il servizio

In un pentolino setacciate il tè e stemperatelo con poco latte freddo. Quando avrete formato una crema liscia unite il resto del latte e la panna.

Battete i tuorli con lo zucchero e versate il composto nel latte al Matcha.

Mettete il pentolino su un fuoco dolce e cucinate la crema continuando a girare con un cucchiaio e senza mai portare a bollore. Quando il corso del cucchiaio verrà velato dalla crema, togliete dal fuoco.

In una teglia ponete 4 ramequin da 7cm di diametro, riempiteli con la crema e versate nella teglia dell’acqua calda fino a tre quarti dei ramequin.

Infornate la teglia a 140°C per 25 minuti: le creme cuoceranno a bagnomaria.

Passato il tempo sfornate i ramequin, lasciateli raffreddare e riponeteli in frigo per 2 ore.

Prima di servirli,spolverate la superficie di zucchero semolato e caramellatelo con l’apposito cannello.

5 pensieri su “Matcha crème brûlée

      1. Purtroppo è l’unico modo certo per avere una bella crosticina. Prova a fare un giro nei negozi specializzati: potresti trovarlo a poco. Altri metodi sono fiammeggiare lo zucchero dopo averlo imbevuto di un liquore molto forte (come fanno per il gelato fritto cinese) piazzare il ramequin sotto il grill: purtroppo in entrambe le soluzioni il risultato non è all’altezza!

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...