Zuppa di funghi porcini cremosa

Se le piogge estive hanno fatto la loro parte alternando le nuvolone cariche d’acqua a giornate di pieno sole, potremmo incontrare nei boschi di montagna, tra fine agosto e ottobre inoltrato, fungaioli appassionati in cerca di porcini. Tra cerri, querce, faggi e castani si celano dei tesori nascosti pronti a essere colti la mattina alla buon’ora.
Purtroppo non ho mai imparato a ricercare da me questa ghiottoneria del sottobosco, a riempirmi un cestino di vimini e tornare a casa trionfante col bottino.
Ogni anno, in questa stagione, mi accontento di andare al mercato sperando di spuntare un prezzo vantaggioso. Così, domenica scorsa, ho scovato dei bei porcini carnosi alla fiera di quartiere e ve li propongo in tutta l’aromaticità prorompente di questa zuppa delicata.

Propongo in abbinamento un A.A. Lagrein, vino rosso dal corpo morbido e vellutato, caldo, ha tannini gentili e una buona persistenza.

Valeria propone in abbinamento una tazza di Assam Signorile, tè indiano elegante e allo stesso tempo forte con le sue note maltate.

Alba

wpid-zuppa-di-funghi-porcini.jpg.jpeg

Ingredienti

  • 600 grammi di funghi porcini
  • ½ cipolla
  • 2 spicchi d’aglio
  • 1 foglia d’alloro
  • prezzemolo
  • 1 cucchiaino di farina
  • vino bianco secco
  • brodo vegetale
  • olio extravergine d’oliva
  • sale
  • pepe
  • fette di pane toscano

Pulite i funghi porcini per eliminare bene i residui di terra. Con un coltello affilato eliminate la parte del gambo più terrosa e passate un panno di cotone umido per completare la pulizia. Separate le cappelle dai gambi. Tagliate i gambi a pezzetti un po’ più piccoli rispetto alle cappelle.
In una pentola di terracotta rosolate la cipolla e 1 spicchio d’aglio schiacciato con un filo d’olio.
Unite i gambi, lasciate cuocere un paio di minuti e aggiungete anche le cappelle. Togliete l’aglio, regolate di sale e pepe, coprite col coperchio e proseguite la cottura per 5 minuti. Togliete il coperchio e lasciate andare sul fuoco per dar modo ai funghi di asciugarsi.
Sfumate col vino bianco e quando ogni traccia di alcol sarà evaporata versate del brodo vegetale bollente. Mescolate, prelevate un mestolo di brodo e funghi dalla casseruola e versatelo nel bicchiere del frullatore insieme alla farina. Frullate e aggiungete di nuovo in pentola. Questo passaggio servirà a dare maggiore cremosità al tutto.
Durante la cottura arricchite la zuppa con una foglia di alloro e un bel trito di prezzemolo.
Lasciate sobbollire per circa 20 minuti.
Nel frattempo tostate delle fette di pane toscano in forno e poi strofinatele con uno spicchio d’aglio. Servite la zuppa accompagnata da questi crostini ancora caldi.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...