Castagnole al profumo di Marsala

Oggi è martedì grasso, il giorno che precede l’inizio della Quaresima.

Insomma giorno di bagordi, travestimenti e soprattutto abbuffate di dolci tipici del Carnevale.

Golosi itinerari tra morbidi krapfen, friabili chiacchiere, bignole farcite, ravioli dolci, fritole con chantilly, bomboloni e le immancabili castagnole.

L’origine delle castagnole (letteralmente piccole castagne) è antica, si perde nei ricettari manoscritti del ‘700 ed è difficile stabilirne una paternità regionale.

Sono delle palline soffici, fritte, che vengono ricoperte ancora calde con lo zucchero: irresistibili!

C’è chi preferisce cuocerle in forno ma vi assicuro che non è la stessa cosa, l’impasto in questo secondo caso non sarà soffice ma piuttosto simile a una frolla morbida.

Ma per la morigeratezza possiamo aspettare i giorni a seguire, quindi oggi dopo aver fritto castagnole come se non vi fosse un domani, tuffatele voluttuosamente nella crema che preferite (pasticcera, inglese, chantilly, alla ricotta, al cioccolato, allo zabaione) e festeggiate!

Per esaltarne il gusto, abbinate alle castagnole un calice di Recioto di Soave, vino dolce, vellutato, sostenuto da un’agile freschezza e interessante sapidità.

Valeria invece suggerisce un Nilgiri, tè nero dal gusto lineare e delicato con sottili note floreali.

Alba

ingredienti delle castagnole
ingredienti delle castagnole

Ingredienti (per 40 castagnole)

  • farina 250 grammi
  • zucchero 100 grammi
  • uova 2
  • burro 60 grammi
  • lievito per dolci 8 grammi
  • marsala 1 cucchiaio
  • buccia di limone non trattato
  • 1 pizzico di sale
  • olio di semi di arachide (per friggere)
  • zucchero semolato (per cospargere)
uova e zucchero da montare
uova e zucchero da montare

Rompete le uova nella ciotola della planetaria, aggiungete lo zucchero e montate con la frusta per circa 5 minuti.

buccia di limone, burro e un pizzico di sale
buccia di limone, burro e un pizzico di sale

Aggiungete la buccia grattugiata del limone, il pizzico di sale e il burro ammorbidito a temperatura ambiente. Continuate a montare per altri 5 minuti.

farina e lievito setacciati
farina e lievito setacciati

Agganciate la frusta piatta alla planetaria. Setacciate la farina con il lievito e avviate l’impasto.

l'aggiunta di Marsala
l’aggiunta di Marsala

Aggiungete il marsala.

impasto nella planetaria
impasto nella planetaria

panetto
panetto

Otterrete un impasto molto morbido ed elastico. Lasciatelo riposare per un quarto d’ora e trasferitelo su una spianatoia leggermente infarinata.

cordoncini da tagliare
cordoncini da tagliare

Prelevate una porzione d’impasto e formate dei cilindri del diametro ci circa 2 cm. Tagliateli a tocchetti.

palline di pasta
palline di pasta

Facendo rotolare questi tocchetti sotto i palmi delle mani, formate delle palline.

frittura a 175°
frittura a 175°

Friggete le castagnole in abbondante olio ben caldo (175°) girandole continuamente con una schiumarola.

Castagnole
Castagnole

Appena avranno una colorazione dorata e uniforme, scolatele su un vassoio con carta assorbente e passatele immediatamente nelle zucchero semolato.

One thought on “Castagnole al profumo di Marsala

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...