Budino al cioccolato e mandorle bio-equo-solidale

In questi anni si parla molto di biologico, di equo-solidale e di Km0, ma a volte mi rendo conto che la stragrande maggioranza delle persone identifica tutto ciò con “costoso”.

Non mi nasconderò dicendo che non sia vero: per chi fatica ad arrivare a fine mese, diventa difficile scegliere di pagare 2€ in più un Kg di pesche; ma è anche vero che ogni tanto ci si può concedere di sbirciare tra le offerte delle catene specializzate e investire in qualche prodotto che sicuramente vi stupirà.

Il Km 0 non è altro che un metodo antico, rimodernato da un sapiente marketing: è andare dal contadino o allevatore che produce nei dintorni della vostra città e comprare direttamente da lui. In questo modo si hanno prodotti più freschi, di stagione e magari che costano meno, saltando a piè pari tutta la filiera del trasporto e dell’impacchettamento.

Il biologico viene così definito dal REGOLAMENTO (CE) N. 834/2007:

“La produzione biologica è un sistema globale di gestione dell’azienda agricola e di produzione agroalimentare basato sull’interazione tra le migliori pratiche ambientali, un alto livello di biodiversità, la salvaguardia delle risorse naturali, l’applicazione di criteri rigorosi in materia di benessere degli animali e una produzione confacente alle preferenze di taluni consumatori per prodotti ottenuti con sostanze e procedimenti naturali. Il metodo di produzione biologico esplica pertanto una duplice funzione sociale, provvedendo da un lato a un mercato specifico che risponde alla domanda di prodotti biologici dei consumatori e, dall’altro, fornendo beni pubblici che contribuiscono alla tutela dell’ambiente, al benessere degli animali e allo sviluppo rurale”.

Che è diverso dal mero “non uso i pesticidi”. 😉

Infine “l’obiettivo del commercio equo e solidale è di garantire che il prezzo pagato ai produttori rappresenti una congrua remunerazione del loro apporto di lavoro, competenza e risorse ed una giusta quota del profitto globale. Questo obiettivo viene generalmente realizzato mediante l’impegno dei partecipanti all’iniziativa di commercio equo e solidale a pagare un prezzo equo, negoziato caso per caso. Per le merci il cui prezzo è concordato a livello internazionale (come il caffè e il cacao), viene fissato un prezzo minimo tale da assicurare ai produttori un reddito superiore al prezzo mondiale delle derrate vendute. Grazie a questa maggiorazione, i produttori possono dotarsi di sistemi di produzione perfezionati ed introdurre condizioni di lavoro favorevoli agli imprenditori agricoli, ai salariati e all’ambiente”. (COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO sul “commercio equo e solidale”, Bruxelles, 29.11.1999)

E così mi sono addentrata in un negozio ben fornito e tra sconti e ingredienti di qualità mi sono lasciata andare a sapori autentici (se non avete mai provato del cioccolato equo-solidale non sapete cosa sia il cacao): TUTTI gli ingredienti utilizzati per questo budino provengono da coltivazioni e allevamenti biologici e/o equo-solidali.

Potete scegliere se fare un budino per adulti o per bambini giocando con alcuni ingredienti: rum&peperoncino o tè&cannella.

Infine abbinate tutto ciò ad una tazza di tè rosso cinese Yunnan d’Or e il viaggio verso altri mondi è assicurato.

Per questa delizia al cucchiaio, ricca di grassezza e aromaticità, Alba propone un Moscato Passito di Pantelleria, vino dolce, fresco, sapido, ideale per comporre un’ottima armonia.

Valeria

DSCN5106

Ingredienti

  • 400ml di panna
  • 600ml di latte di mandorle (la bevanda, NON lo sciroppo)
  • 300g di zucchero a velo vanigliato
  • 2 cucchiaini di agar-agar (circa 6g)
  • 50ml di tè rosso cinese (o rum) caldo-tiepido
  • 100g di cacao amaro
  • 100g di cioccolato fondente 80%
  • 1 cucchiaino di spezie macinate (peperoncino o cannella o zenzero)
  • poco burro

per servire

  • panna montata
  • salsa di caramello o di fragole

In una terrina mescolate il cacao con lo zucchero e la spezia scelta.

Tritate grossolanamente il cioccolato.

In una pentola scaldate la panna assieme al latte di mandorle e scioglietevi, mescolando spesso, il cioccolato. Togliete dal fuoco.

Con l’aiuto di un mestolo versate poco alla volta un po’ di liquido caldo sul composto di zucchero e cacao e mescolate per avere una pastella liscia e omogenea.

Versate la pastella nel pentolino contenente il resto del liquido e uniformate mescolando.

In un bicchiere sciogliete l’agar-agar con il liquido tiepido (rum o tè) e aggiungetelo al composto.

Riportate tutto sul fuoco e portate a bollore mescolando continuamente. Lasciate sobbollire per circa 5 minuti.

Togliete dal fuoco.

Imburrate leggermente un grande stampo da budino (o 10 piccoli stampi), mescolate vigorosamente il composto e versatelo nel contenitore.

Lasciate intiepidire a temperatura ambiente, per poi passare il tutto in frigo per almeno 1-2 ore.

Passato il tempo sformate delicatamente il budino su un piatto di portata.

Servitelo a fette guarnendo con un ciuffo di panna montata ed il topping preferito.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...