Una pavlova ai frutti di bosco per i miei 33 anni

Il 25 Luglio è stato il mio compleanno: 33 anni e tanta voglia!

Voglia di uscire dal nido in cui, purtroppo, molti over 30 sono ancora intrappolati da quel non essere “più giovani”, ma senza un soldo in tasca; voglia di far vedere il valore e la professionalità a chi non ci crede; voglia di fare, prima che la fiamma si estingui.
E così pensando al futuro, ma anche al presente ho voluto proporre ai miei amici (e a tutti voi) una torta diversa: qualcosa che sapesse di sapori lontani e vicini allo stesso tempo.

Ho scelto una pavlova, dolce originario dell’emisfero australe, usando però frutti di bosco nostrani e un tocco di cioccolato.
Panna, meringa e cioccolato mi fan pensare ad una tazza fumante natalizia, ma questa sua versione “estiva” è altrettanto golosa: specie per la consistenza da marshmallow dell’interno del guscio!

mini-pavloveVolendo si può personalizzare la pavlova in mille modi diversi: ad esempio, in un’altra occasione, ho preparato delle mini-pavlove con crema diplomatica e pesche, fragole e fichi con i lamponi.

Abbino a questo dolce un infuso senza teina a base di Rooibos: il Violette in Love.

Alba invece propone un Alto Adige Moscato Rosa, un vino dolce, aromatico ben equilibrato da una buona freschezza.

Valeria

pavlova 33Ingredienti

  • 4 albumi (circa 150g)
  • 200g di zucchero extra-fine
  • 1 cucchiaino abbondante di amido di mais (funziona bene anche quello di frumento)
  • 5ml di aceto di vino bianco
  • 1 pizzico di sale
  • 150g di cioccolato fondente
  • 200ml di panna da montare
  • lamponi e mirtilli

Preriscaldate il forno statico a 140°C.

Setacciate lo zucchero con l’amido.

Montate a neve gli albumi con il pizzico di sale e, quando li vedrete imbianchirsi, aggiungete l’aceto. Continuate a sbattere aggiungendo e perfettamente incorporando la miscela di zucchero.

Alla fine dovrete avere un composto perfettamente montato e fermo.

Su una placca rivestita di carta da forno fate scendere il composto e, spatolando, dategli una forma cilindrica bassa e leggermente depressa al centro.

Infornate per 45 minuti, senza mai aprire il forno, al  termine spegnete, aprite leggermente lo sportello e lasciate che il guscio della pavlova si raffreddi nel forno.

Nel frattempo fate sciogliere il cioccolato a bagnomaria e fatelo colare con un cucchiaio sulla superficie esterna e interna della meringa. Fate solidificare.

Staccate delicatamente la meringa e posizionatela sul piatto da portata.

Poco prima di servire, montate la panna (dolcificandola a piacere) e riempite con essa la cavità della meringa, infine cospargete la superficie con i frutti di bosco lavati e asciugati.

2 pensieri su “Una pavlova ai frutti di bosco per i miei 33 anni

    1. Mi sa di no! Ma non ho ancora provato…uhm…però visto la reazione salivare delle cavie…ehm…amici…potrebbe essere! 🙂
      In realtà io sapevo la versione nella quale il dolce fu un omaggio ad Anna Pavlova: una delle più grandi ballerine di inizio ‘900.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...