Trancio di tonno al tè e agrumi

Il tè è un prodotto estremamente versatile e le sue foglie possono essere usate per aromatizzare e rendere unico un piatto.
Poi se il tè è “prezioso” come un Gyokuro, allora la voglia di sperimentare prende il sopravento.
Ho pensato quindi ad un antipasto, ma forse anche un secondo, che omaggiasse il paese d’origine di queste foglie: il Giappone.

Gli ingredienti della marinata sono facilmente reperibili nei negozi etnici, in quelli biologici e anche in quei supermercati ben riforniti.

E’ una pietanza armoniosa che si equilibra tra le sue varie parti.

Presentata, invece che a trancio, come una tagliata o come cubetti può diventare estremamente chic.
In una bella domenica di sole sarebbe perfetta accompagnata sul tavolo da una caraffa di fresca e colorata “limonata” (preparata con il succo degli agrumi utilizzati ed uno sciroppo leggero di acqua e zucchero), dei bicchierini (come quelli da limoncello: circa 20ml) di Shincha Wakana ghiacciato e calici di vino rosato servito alla temperatura di 12°C.

Lo Shincha Wakana è un tè verde della famiglia dei Gyokuro ed il suo liquore riesce ad unire il gusto tipico dei tè giapponesi con una dolcezza inusuale.

Alba invece ha pensato a un Cirò rosato, un vino che rispetta la delicatezza del tonno appena scottato e si sposa bene con la ricca aromaticità del condimento.

Valeria

salmoneIngredienti:

  • agrumi (limone, lime, mandarino, pompelmo)
  • 8 gr di tè verde Shincha Wakana (biologico)
  • 3 tranci di tonno fresco
  • ghiaccio (fatto con acqua a basso residuo fisso)

Ingredienti per la marinata:

  • 80ml di acqua
  • 80ml di salsa di soia giapponese
  • 1 pezzetto di alga Kombu
  • 1 cucchiaio di aceto di riso
  • 1 cucchiaio di mirin (facoltativo)

Preparate la marinata: in un pentolino portate a bollore l’aceto di riso ed il mirin.
Aggiungete la salsa di soia e l’acqua e riportate a bollore.
Pulite con un panno la superficie dell’alga Kombu e aggiungetela alla salsa.
Fate “fremere” ancora per qualche secondo e spegnete il fuoco.
Lasciate raffreddare.
Quando il liquido si sarà intiepidito, togliere l’alga (che potrete riutilizzare per insaporire una zuppa) e conservate in frigo.

Preparate le foglie di tè: in una teiera da 400ml (io ho usato uno shaker con filtro) ponete 2 cucchiaini di tè verde e ricoprite il tutto di ghiaccio fino in cima.
Riducete la scorza degli agrumi (non la parte bianca) in sottili listarelle ed aggiungetele al ghiaccio.
Lasciate il tè in infusione nel ghiaccio finché questo non si sarà disciolto.

Quando il ghiaccio sarà quasi del tutto sciolto, prendete i vostri tranci di tonno e tagliateli a metà.
Disponeteli in un piatto fondo e irrorateli con la marinata ormai fredda.
Lasciateli ad insaporirsi per qualche minuto.

Scaldate molto bene una piastra.

Scolate i tranci di tonno e, se necessario, tamponateli con della carta da cucina.
Posizionate i tranci sulla piastra (uno o due alla volta) e scottateli molto velocemente da un lato e dall’altro: l’interno deve rimanere rosato, quasi crudo.

Filtrate le foglie di tè, mantenendo da parte il liquore.

Impiattate servendo il trancio con uno spicchio di limone e sormontandolo da una presa di foglie di tè e scorze di agrumi.

Un pensiero su “Trancio di tonno al tè e agrumi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...